Buosi Food Experience

Dolci, dolcetti, torte, crostate, biscotti, crumble, le preparazioni di base di pasticceria, decorazioni, pasta di zucchero, cioccolato, lievitati, dolci al cucchiaio: potrei andare avanti all’infinito; la passione per il mondo “pasticceria” ormai è per me sempre piu’ forte, ma necessariamente limitata dal tempo che vi possa dedicare.

La passione mi ha portato a collezionare libri fotografici, e non, di ricette di pasticceria, libri che amo sfogliare, alla ricerca del dolce ideale per uno stato d’animo particolare, un evento o periodo dell’anno particolare. Dalla collezione seriale, periodico-settimanale, in edicola che si esaurisce in 30 numeri (e quindi 30 settimane), al libro che ti attira in libreria del noto pasticcere, ad amazon e l’acquisto online degli attrezzi e gli utensili, stampi e quant’altro ….insomma, una storia infinita.

Gli eventi poi del settore sono innumerevoli, sempre molto interessanti, fosse per me non me ne perderei uno, ma il mio Liam viene sempre e solo prima di tutto il resto.

Tra gli eventi di pasticceria degni di nota,  Sweety off Milano, a cui ho partecipato lo scorso settembre, esperienza davvero notevole, che consiglio agli amanti della pasticceria per il fatto che ti consente di incontrare personalmente tra i corridoi i grandi nomi della pasticceria italiana e stringere loro la mano.

Cosi, ho raccolto tutta la mia curiosità per seguire Denis Buosi durante il suo corso serale full immersion di tre ore, simpaticamente denominato “Mission Pasticcere in un giorno: le basi della pasticceria”. In tre ore, un’interessante serata svoltasi nel laboratorio di Vedano Olona della nota pasticceria varesina Buosi, all’insegna di pasta frolla, pan di Spagna, pasta sfoglia, mousse al triplo cioccolato, meringhe, bignè. Lui lo sa che in tre ore non si può diventare pasticcere, anche se generosamente riceviamo le sue ricette delle basi di pasticceria, questo tempo dedicato a noi aspiranti servirà a vedere da vicino tutti i passaggi. Magari carpendo qualche accorgimento utile in più per una buona riuscita del dolce, di sicuro il corso e’ un modo per approfondire quanto magari già sappiamo fare ma che vorremmo perfezionare.

Buosi food experience

L’esperienza di Denis Buosi e’ stata messa a disposizione dei pasticceri amatoriali presenti che, ritagliandosi qualche ora della propria giornata, hanno sperato di carpire più segreti possibili di quest’arte che tanto appassiona e che, ultimamente, anche in TV, ritrova  uno spazio Di tutto rispetto;  e allora pronti ?

Innazitutto grembiule, postazione, cartelletta con tutte le ricette e soprattutto penna per poter prendere appunti, quanti più possibile!

Buosi Food Experience

Partendo dalla preparazione dello sciroppo per le bagne del pan di Spagna e le mousse, passando alla preparazione della mousse al triplo cioccolato, alla pasta frolla, e grazie agli albumi passare poi alle meringhe; per poi arrivare alla laboriosa preparazione della pasta sfoglia, alla pasta per bignè, alla squisita crema pasticcera e al pan di Spagna.

Buosi Food Experience

Tutto si è’ svolto in un’atmosfera serena e molto “friendly” che ha fatto letteralmente volare il tempo.

La degustazione di quanto è stato preparato ha reso poi il tutto ancora più accattivante.

Mousse al triplo cioccolato

Un’esperienza da ripetere, in calendario ci sono ancora molti appuntamenti interessantissimi da non perdere.

Vi invito a dare un’occhiata al sito http://www.buosi.it

Mousse

Annunci

Crema Chantilly

Per la festa della mamma, dopo aver preparato il Pan di Spagna ho pensato ad una crema per farcirlo, ma non volevo fosse la solita crema pasticcera.

E così ho preparato per la prima volta  la crema chantilly che in realtà si presta a tante altre gustose preparazioni.

Crema chantilly

Quando ero bambina, per le torte di compleanno, papà sceglieva quasi sempre torte a base di questa crema molto delicata, dalla migliore pasticceria della città arrivava una magnifica torta decorata con crema chantilly e cioccolata.

Esistono due versioni, quella classica e la cosiddetta crema chantilly “all’italiana” ( o crema diplomatica) che prevede l’aggiunta di panna montata ad una base di crema pasticcera, ed e’ la più diffusa.

Ecco gli ingredienti:

  • 250 ml latte intero
  • 75 g zucchero
  • 2 tuorli
  • 15 g di farina 00
  • mezzo baccello di vaniglia
  • 300 ml di panna fesca
  • 2 cucchiai di zucchero a velo vanigliato

Per prima cosa ho preparato la crema in questo modo:

  1. In un pentolino ho scaldato il latte con la vaniglia (il baccello va inciso a metà e con un cucchiaino estraete la polpa)
  2. in un altro pentolino lavorate i tuorli con lo zucchero.
  3. Aggiungete poco alla volta la farina e continuate a mescolare fino ad ottenere un composto omogeneo
  4. Aggiungete a filo il latte continuando a mescolare e fate sobbollire a fuoco lento per circa 3 minuti
  5. Fate raffreddare

A questo punto, amalgamate la panna che avrete montato in precedenza con due cucchiai di zucchero a velo vanigliato

E’ ora di farcire la nostra torta o il nostro dolce…

Torta Festa della mamma

 

Pan di Spagna

Il buon giorno si vede dal mattino.

E allora, perché non iniziare con la base di moltissime torte?

Il Pan di Spagna, ottima base per le torte di festa, da farcire, decorare, abbellire secondo la propria fantasia oppure secondo la tradizione.

Ci sono mille ricette anche per il Pan di Spagna.

Io ho provato questa, dal ricettario de Il Cucchiaio d’Argento, ed il risultato e’ stato ottimo.

Ecco come l’ho preparato

Ingredienti:

  • 6 uova a temperatura ambiente
  • 80 g di farina 00
  • 80 g di fecola di patate
  • 150 g di zucchero
  • burro q.b.
  1. Accendete il forno a 180 gradi, modalità statico
  2. Separate i tuorli dagli albumi, facendo attenzione a non lasciare tracce dei tuorli altrimenti gli albumi non monteranno bene
  3. In una ciotola lavorate i tuorli con lo zucchero fino a che non diventeranno chiari e spumosi
  4. In un’altra ciotola, montate a neve fermissima gli albumi
  5. Incorporare delicatamente i bianchi nel composto dei tuorli e zucchero
  6. Aggiungetevi poco alla volta la farina con la fecola, setacciate, e mescolate bene finché i due composti non sono ben amalgamati
  7. Imburrate con un pennello una tortiera dai bordi alti e spolverizzatela con la farina
  8. Versatevi l’impasto e cuocete in forno a 180 gradi per circa 40 minuti.
  9. Verificate la cottura con uno stuzzicadenti
  10. Ritirate, lasciate raffreddare e sformatelo.

Torta di Compleanno

Ve la ricordate?
Ve la ricordate?

Ormai è diventata una dolce consuetudine trascorrere parte del week end a preparare una bella torta o dei dolcetti.

Sabato scorso poi era il compleanno di mio marito, quale miglior occasione per festeggiarlo dunque.

Come ho detto in altre occasioni, non sono una provetta cuoca, n’è’ master chef! ma ho voglia di sperimentare nuove ricette, a patto, ovviamente, che riescano bene e non deludano: e’ così frustrante ritrovarsi dopo ore di preparativi a dover buttar via ingredienti ed entusiasmi perché qualcosa è andato storto..

Navigando sul social network, ho trovato la ricetta per fare il Pan di Spagna al cioccolato con il Bimby. Il post mi aveva colpito per questa enorme foto che ritraeva un invitante pan di Spagna al cioccolato,.

Adoro questo robottino da cucina e ci sono molto affezionata poiché mi è stato donato da amici in occasione del matrimonio, quattro anni fa. Lo uso principalmente per gli impasti dolci o salati, per le creme o besciamella. I risultati sono favolosi, appena posso lo utilizzo.

Ho però pensato che un pan di Spagna senza farcitura non è molto buono, resta asciutto.

L’idea quindi era di farcirlo con una crema, ma quando ho verificato le uova a disposizione, ho calcolato che ne avevo solo uno, gli altri mi sarebbero serviti per l’impasto.

Come guarnirla, poi, una volta finita?

…potrei provare con una glassa che non ho mai fatto.

Ok, dunque.

Mi sono rimboccata le maniche ed ho iniziato.

image

Pan di Spagna al Cioccolato

Ingredienti:

  • 4 uova
  • 160 g di zucchero
  • 130 g di farina 00 setacciata con
  • 30 g di cacao amaro
  • e 1 bustina di lievito vanigliato
  1. Accendi il forno a 180 gradi
  2. Posiziona la farfalla e monta le uova con lo zucchero per 1 minuto, a 37 gradi, velocità 3
  3. Aggiungi la farina, mescolata con il cacao e il lievito e lavora l’impasto per 30 secondi a velocità 3.
  4. Dopo aver tolto la farfalla, versa l’impasto in uno stampo imburrato ed infarinato.
  5. Cuoci a 180 gradi per circa 25 minuti.
Brava, brava mariarosa...
Brava, brava Mariarosa…

Crema alla Vaniglia

  • 1 litro di latte
  • 65 g di zucchero
  • 1 stecca di vaniglia
  • 20 g di farina
  • 1 uovo
  1. Fai bollire in un pentolino il latte con lo zucchero e la stecca di vaniglia
  2. Lascia riposare per alcuni minuti, poi togli la vaniglia e amalgama al latte il tuorlo d’uovo già sbattuto È stempera la farina.
  3. Mescola la crema e cuoci fino a che non si addensa (io ho passato tutto nel Bimby, 100 gradi, fino a che la crema non ha raggiunto una bella consistenza, morbida e setosa. Se necessario, aggiungi altra farina.

Taglia il Pan di Spagna ottenendo due dischi.

Fai scaldare in un pentolino un poco di acqua e zucchero e poi versala sui dischi di Pan di Spagna.

Non appena la crema si è raffreddata, farcisci la base della torta e distribuisci bene l crema e poi chiudi mettendo sopra l’altro disco di pasta, facendo attenzione a non romperlo perché bagnato con acqua e zucchero.

Ora, manca il tocco finale, la glassa al cioccolato.

image

Glassa al cioccolato

Ingredienti:

  • 200 g di zucchero a velo
  • 100 g di cioccolato fondente
  1. Taglia il cioccolato a pezzetti e mettilo in una pentola.
  2. Fallo sciogliere aggiungendo poca acqua e cuoci a fiamma dolce
  3. Aggiungi lo zucchero e fallos ciò gliene finché non sarà ben amalgamato
  4. Utilizzala subito versandola sulla torta, prima che solidifichi
Pan di Spagna al cioccolato
Pan di Spagna al cioccolato

Certo, per essere la prima volta che mi cimento in questa impresa, posso dire di essere abbastanza soddisfatta, non è’ perfetta, e’ vero, ma c’è sempre margine per migliorare. Ma soprattutto, era davvero buonissima, soprattutto il giorno dopo, con la glassa solidificata e la crema fresca! Questo mi sprona a provare qualche altra dolce novità al più presto..