2 anni di blog

Questo slideshow richiede JavaScript.

E’ un periodo un po’ così, il tempo mi sfugge di mano, come granelli di sabbia impalpabili che cerchi di tenere stretti nel tuo pugno ma che vedi scivolare via. Con la stessa rapidità, il mio tempo si beffa di me, e mi ritrovo a scrivere di un qualcosa accaduto già sei giorni fa e cioè del secondo anniversario di questo blog:

il 2 febbraio 2014 iniziavo a scrivere tra queste pagine con grande entusiasmo e grande curiosità.

Questi due elementi sono cambiati, forse maturati, con me e con l’esperienza che un anno di vita in più mi ha regalato.

Certo, il 2015 non è poi stato così generoso con me, strascichi di eventi accaduti durante l’anno si fanno ancora sentire nell’animo a tal punto da aver cambiato il mio modo di essere nel profondo. Ma non c’è spazio per la tristezza o per lo spleen, questo millennio non lo consente, vogliamo vedere e sentire solo cose positive e cose belle, quelle che poi ci fanno star bene e ci fanno sentire  appagati, e allora via, verso un mondo sorridente e a colori, perché la tristezza ed il suo bianco e nero spaventano. Ed il punto essenziale e’ sempre quello: bloccarsi ogni qualvolta si desidera veramente scrivere di sentimenti profondi e Stati d’animo, anche quelli meno positivi, che, insomma, non piacciono a nessuno, ma che, in fondo, fanno parte di tutti noi, oppure scrivere e scrivere, anche del nostro “flusso di coscienza”, che vorrebbe essere inarrestabile, come un fiume in piena che travolge tutto ciò che trova dinanzi a se’, indistintamente? Se i sentimenti positivi devono sempre farla da padrona perché “e’ giusto così”, perché portano ad un qualcosa di costruttivo, soffermarsi su episodi o aneddoti che non lo sono, diventa controproducente. E allora, quando ci sono parentesi tra un post e l’altro che durano anche più di una settimana, il motivo e’ sempre il tempo e, a seguire, il mio stato d’animo. Quello stato d’animo che mi fa dire: “blocca la penna, Cri, non è’ il caso di tediare nessuno, cerca il lato positivo di quanto  sta accadendo e vai avanti”.

Thank you

Voglio ringraziare chi ha deciso di leggere, o semplicemente, scorrere, queste pagine, ringrazio coloro i quali sono diventati, nel tempo, dei punti di riferimento per me, con la loro costanza e la loro presenza; un pensiero particolare tra questi, va a Silva Avanzi Rigobello, perché ci hai lasciati troppo presto;  grazie a chi anche solo con un fugace, ma costante, “like” si è fatto vivo, a chi con commenti sempre puntuali mi fa sentire che c’è al di là di questo freddo e retroilluminato schermo e mi conferma che non si è’ dimenticato di me, con un affetto che dura nel tempo.

Siete speciali.

Non ho programmi per quest’anno a venire, un po’ come l’anno scorso, so solo che desidero continuare a scrivere, scrivere, scrivere tra queste righe.

Grazie

2 anni di blog

 

Alla festa di Leo

Festa di CompleannoSono già trascorse due settimane dalla festa di compleanno di Leo, un grazioso amichetto di Liam, compagno di Nido.

Leo ha un viso dolce, due occhioni da cerbiatto, un sorriso sempre pronto ad accogliermi, quando arrivo a prendere Liam. E’ un bimbo vispo e allegro. Lo ricordo ancora in braccio alla sua mamma che entrava dalla porta in lacrime, inconsolabile, ormai quasi due anni fa; per Liam era il primo giorno di inserimento al Nido, Leo aveva già iniziato credo da qualche tempo, ma quell’immagine mi è’ rimasta nel cuore. La sua mamma e’ dolce, siamo entrate subito in sintonia, non nascondo che a settembre saranno molte le mamme che mi mancheranno, poiché le nostre strade si separeranno.

Leo ha festeggiato il suo compleanno in un bel locale destinato alle feste di compleanno per bambini. Una sala accogliente con tavolini e sedie, una bella pasticceria in vista e, in fondo alla sala, il “Playground“, questo ampio spazio gioco con scivoli, casette, e cubi e labirinti dove perdersi, un mare di palline colorate in cui tuffarsi.

Festa di Compleanno

Liam e Leo sono stati inseparabili. Liam entusiasta si e’ divertito moltissimo, e ha dato sfogo alla sua voglia di correre, infilandosi in questi cubi e sparendo dalla mia visuale per un po’, per poi riapparire. In mezzo a bimbi molto più grandi di lui, io in apprensione, lui a proprio agio, nel mondo del divertimento e dei giochi colorati. Molti bimbi, amici di Leo, hanno partecipato alla bella festicciola. Tra gli invitati, il pulcino Valentina, di un anno più grande, che lo scorso settembre ha iniziato la scuola materna. Il suo regalo e’ stato aperto per primo: una magnifica scatola di lego duplo che ha catturato l’attenzione di tutti i bimbi, i quali, ordinati, si sono appoggiati su un tavolo ed hanno iniziato a creare con le costruzioni.

Playground

Il piccolo grande Leo ha spento le sue candeline su una bellissima torta di Spider Man e gli occhioni di Liam si sono illuminati quando hanno visto questa meraviglia!

Sono rimasta impressionata da come, anche in tenerissima età, un sentimento che riterremo importante e fondamentale per tutta la nostra vita, l’Amicizia, sia già fortemente sentito dai nostri piccoli, vissuto con momenti di grande gioia ed entusiasmo. Liam e Leo si sono presi per mano in più occasioni per correre insieme a giocare nel loro mondo tutto colorato. Estremamente appagato dal pomeriggio di grande compagnia e di gioco, il mio Liam si e’ addormentato in macchina, mentre lo riportavo a casa.

Torta di compleanno