Spiccare il primo volo dal nido…

il

In una mattinata di tetti bianchi, spolverati di zucchero a velo, venerdì ho iscritto Liam alla scuola d’infanzia, ovvero alla scuola materna.

Dal nido alla materna

Dal nido alla materna Le iscrizioni, aperte lunedì scorso fino al prossimo 12 febbraio, comportano per i residenti la compilazione di un’autocertificazione completa di dati anagrafici della famiglia, gli orari di frequenza (pre-scuola e post-scuola), eventuali intolleranze a particolari alimenti, un modulo di delega da compilare con i dati anagrafici dei familiari e copia dei loro documenti di identità.

La struttura scolastica e’ molto grande, ed ha un grande giardino, mi ricorda un po’ le scuole di trent’anni fa, per imponenza, spazio, architettura.

Non so da dove cominciare nel discrevere tutto ciò, poiché mi vengono in mente contemporaneamente mille pensieri.

Sicuramente conoscevo già questa struttura grazie all’open day dell’anno scorso tenutosi in occasione dell’invito ricevuto per la sezione primavera, vale a dire la sezione dedicata ai bambini dai due anni compiuti in poi; essendo residenti, la scuola ci invito’ a partecipare, aprendo le porte ai genitori. In quell’occasione, decisi comunque di iscriverlo, salvo poi cambiare idea per due importanti motivi: in primis, perche’ al Nido dove il bimbo era già iscritto da ormai un anno ci trovavamo molto bene, in secondo luogo, perché fargli cambiare struttura avrebbe significato interrompere un percorso già iniziato da un anno e toglierlo da un gruppo di piccoli amici già abbastanza affiatati, per fargli fare un nuovo inserimento, poco dopo quello fatto per entrare al nido l’anno prima.

E siccome il tempo vola, mi ritrovo già qui, ad iscriverlo per settembre, quando il mio cucciolo spiccherà il volo dal suo nido per diventare un bel “pulcino” e approdare alla “scuola d’infanzia”.

Si’ perché, oltretutto, non si chiama più scuola materna, ed e’ quindi giusto utilizzare i termini appropriati.

E’ incredibile come già durante questi primi due anni di nido si sia creato un bel gruppo, delle belle amicizie, tanto da far sperar bene che le richieste di iscrizione di alcune mamme non-residenti, ormai amiche anche al di fuori del contesto nido, vengano accolte, e garantire così una bella continuità sia ai bimbi che a noi mamme, riuscire a vedersi costantemente anche l’anno prossimo.

Mentre uscivo dalla scuola, mentre scendevo le scale del sentiero che porta al parcheggio, ho provato una strana sensazione, un insieme di sentimenti contrastanti; sicuramente si tratta di un passo in avanti, ed e’ come entrare in un’era nuova e vedere mio figlio un po’ più grande.

Alle spalle lascio l’era “bebe’”, Liam piccolino, e davanti a me, anzi, davanti a noi, la crescita inarrestabile di un bambino. Certo, mancano ancora nove mesi, eppure, se son volati due anni e mezzo, nove mesi saranno rapidi come il passaggio di una meteora.

E poi, un passo dopo l’altro, tra me e me ho pensato: “come mi sentirò e cosa proverò il giorno in cui lo iscriverò alla scuola elementare?”

(A proposito, si chiama ancora così?)

Sentiero della vita

 

Annunci

9 commenti Aggiungi il tuo

  1. Laura ha detto:

    E si, dopo la materna c’e’ la scuola elementare, come cresce il tuo ometto, mi fa tenerezza ma anche tu, baci cara, buon inizio settimana, ❤ ♡♥♡ ❤

    Mi piace

    1. La Cri' ha detto:

      Ciao Laura, e’ bello che crescano, ma come vola il tempo con loro 😉

      Mi piace

      1. Laura ha detto:

        A chi lo dici, la mia piccola ha 28 anni, 😀 baci cara, ❤

        Piace a 1 persona

      2. La Cri' ha detto:

        Complimenti mamma Laura!

        Mi piace

  2. Io me lo ricordo ancora perfettamente il primo giorno di scuola sia del mio grande che quest’anno compie 40 anni, che della piccola che ne ha appena compiuti 33. Ho le fotografie di entrambi, coi grembiulini, gli zainetti enormi e i sorrisi meravigliosi ancora coi denti da latte. Sono momenti che ti restano dentro per sempre, sono davvero il primo passo, il primo volo, fuori dal nido. In bocca al lupo per il primo anno di scuola dell’infanzia di Liam, che una volta era l’asilo e poi la scuola materna, ma comunque lo stesso luogo dove imparerà a vivere un frammento di vita lontano da te.

    Mi piace

  3. rosenuovomondo ha detto:

    Si chiama scuola primaria, l’elementare, dico.
    Sono passi molto importanti. Per me sono volati. Goditi ogni singolo momento.

    Mi piace

    1. La Cri' ha detto:

      Ah vedi?
      si cara, 😉
      ho chiuso questo post sapendo che anche la scuola elementare ormai viene definita la primaria…ma un po’ per pigrizia un po’ per “gioco” con il tono dell’articolo o lasciato tutto com’era. Grazie ancora!

      Mi piace

      1. rosenuovomondo ha detto:

        ma si.. deformazione professionale… ci lavoro…

        Piace a 1 persona

cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.