Una settimana campale

il

E’ stata una settimana intensa, stancante, particolarmente grigia ed uggiosa.

Una settimana scandita dal traffico sempre più intenso, bloccato; un incidente grave su una brutta curva ha coinvolto poi lunedì sera una giovane donna che ahimè aspettava un bimbo da quattro mesi.
In dogana, addetti della Repubblica del Canton Ticino elaborano dei dati ai fini statistici per verificare quante automobili attraversano quotidianamente il confine. Salvo poi scoprire, a fine settimana, che sono circa 60.000 i frontalieri che ogni giorno si recano al lavoro dal vicino Belpaese, per un totale di circa 140.000 auto che si muovono e che intasano le arterie del lunga esse e del mendrisiotto. Auto con un solo conducente, beh, mi dico, tutto sommato ho fatto la mia parte, almeno fino a che non nascesse il bimbo, dato che in passato con i colleghi ho fatto per diverso tempo il CAR-pooling, o CAR-sharing che dir si voglia.

Inizia così, questa settimana, inizia con Liam che si sveglia con un occhio e la palpebra gonfie da non riuscire ad aprirlo.
E’ necessario farlo visitare, resto a casa da lavoro, consulto gli orari e lo porto dal medico.
“Non si allarmi”, mi dice, “tornerà alla normalità in pochi giorni”. la causa? Una banale puntura d’insetto. E questo piccolo grande pirata resta a casa con la mamma dal nido per un giorno, il tempo di mettere a soqquadro casa, tirare fuori tutti i giochi, correre all’impazzata per il salotto, e richiedere a gran voce di guardare i “motti”, cioè i “mostri”, di “Monster university”, di Disney-Pixar che ha letteralmente soppiantato la visione spasmodica e continua su you tube dei mini video dedicati all’apertura di ovetti kinder o simili… Ora siamo tutti fan di Wasowski e di Sullivan e di altri simpatici personaggi piuttosto mostruosi.

Martedì rientro al lavoro e ci impiego un’ora e quarantacinque minuti: praticamente una vita…complice il maltempo e non so che altro, mi ritrovo trafelata e spero che un marziano possa catapultarmi nel mondo del teletrasporto affinché io possa miracolosamente arrivare in ufficio in orario, mentre tutti sono fermi in coda. Dovrò valutare l’alternativa trenino che collega la dogana alla zona del mio ufficio. Parecchi inconvenienti, come il tratto a piedi ed i costi sono da considerare, nel frattempo, mi cucco la coda e ascoltando quei matti del “Trio Medusa” spero solo di contenere i danni. Decido di fare la “montagna”, ovvero dei tornanti che tagliano la strada che da Magliaso porta ad Agno, che dovrebbe quindi fungere da scorciatoia, ma anche lungo queste stradine tortuose collinari stanno facendo dei lavori, che, ovviamente, possono rallentare il percorso fino a venti minuti.
Un terno al lotto arrivare in ufficio.
In realtà, la difficoltà che incontro martedì non e’ neanche quella di rimanere ferma davanti ad un semaforo che regola il via vai, ma, con mio sommo stupore e tanta, tanta strizza, e’ un bellissimo TIR che in discesa, in una curva, e’ bloccato e cerca di agevolare il passaggio delle auto, le quali, strette tra la portiera del camion da un lato, e il ciglio del burrone dall’altro, cercano di salire il tornante, tutti come me per andare a lavorare…sia chiaro..
Ma dimmi un po’, uno si sveglia con tutto l’entusiasmo del mondo, si beve la sua bella tazza di caffellatte e si prende la sua bella vitamina (o integratore alimentare), insomma, un buon energetico per affrontare la giornata, ma il lungo percorso di 53 km ti riserva ben altro, un percorso da camel trophy che e’ valso l’appellativo di “pazzo” al camionista che, dispiaciuto, aiutava come poteva dall’alto del suo sedile sul camion, i malcapitati che, come me, si ritrovavano a passare in uno spazio stretto e angusto, con la paura di non sgommare al di fuori del bordo della strada, peraltro senza guard rail.

Quando uno dice che la fuori “e’ una giungla” beh, forse non si sbaglia…

Questa e’ stata anche la settimana del burro bio che serviva ad “arrostire gli svizzeri”. Si, pare che una nota catena di supermercati svizzera, nei propri scaffali, vendesse questo particolarissimo burro che e’ andato a ruba, ovviamente e la cui foto ha campeggiato su alcuni giornali.
http://www.tio.ch/News/Ticino/813389/Il-burro-per-arrostire-svizzeri-e-andato-a-ruba-ecco-tutti-gli-orrori-linguistici-nei-mercati-ticinesi/
La causa sarebbe un errore di traduzione. Inutile dire che ci sono stata alla Migros a cercare questa confezione per dovere di cronaca e anche per avere un souvenir, ma..niente da fare, e’ andato a ruba.

Questa e’ anche la settimana del budget 2015: terminarlo e consegnarlo, fornendo dei dati corretti, almeno me lo auguro, e’ stato un’impresa, sempre presi da mille altre priorità.

Questa e’ stata la settimana delle piogge, e dell’alluvione a Genova. Se ne parla sempre troppo poco, e sempre e solo quando ahimè si verifica. Non si fa nulla per prevenire il dissesto idro-geologico.

Questa e’ stata la settimana caratterizzata da uno spleen inspiegabile, quello da cielo grigio e pioggia battente, per il quale cerchi la motivazione e la felicità nelle piccole cose e speri sempre di trovarla, per non lasciarti abbattere da un panorama triste, da un lavoro sempre più frenetico, da un momento di difficoltà.

Questa e’ stata la settimana del colloquio individuale al nido per parlare dei progressi di Liam: ecco il raggio di sole che stavo aspettando….

Annunci

15 commenti Aggiungi il tuo

  1. Laura ha detto:

    Sono sempre loro, i nostri figli che ci danno la forza di continuare ad andare avanti, mamma mia che settimana, 😀 un abbraccione, anche al tuo meraviglioso bimbo! Buon inizio settimana!! 🙂

    Mi piace

    1. La Cri' ha detto:

      Grazie Laura, e’ proprio vero! Un abbraccio a voi!

      Mi piace

  2. Una settimana di fuoco!

    Mi piace

    1. La Cri' ha detto:

      Speriamo domani di inaugurarne una un po’ più tranquilla..un abbraccio!

      Mi piace

  3. Silvia ha detto:

    Ti auguro che questa vada meglio, se non altro per raggiungere il lavoro, buon inizio un abbraccio! 🙂

    Date: Sun, 12 Oct 2014 21:00:14 +0000 To: silvia-1959@live.it

    Mi piace

    1. La Cri' ha detto:

      Ciao Silvia grazie mille! Mi dovrò abituare a questi ritmi autunnali! Un abbraccio a te..

      Mi piace

  4. vestitini ha detto:

    che brutto leggere dell’incidente… e comunque che settimana difficile, davvero! a confronto la mia una passeggiata!

    Mi piace

    1. La Cri' ha detto:

      Bentornata ..si, decisamente, iniziare la settimana così e’ stata dura…ma sono sempre fiduciosa che le cose migliorino, anche se devo abituarmi al fatto che gli scooter sono tutti nei box fino a maggio…

      Mi piace

  5. newwhitebear ha detto:

    Una settimana senza la monotonia del solito tran tran mi pare di leggere dal tuo resoconto.
    Disavventure e piccoli intoppi con in mezzo il burro che arrostisce gli svizzeri

    Mi piace

    1. La Cri' ha detto:

      Il burro, una nota tragicomica che strappa un sorriso…certo che un errore di traduzione così macabro non è Da tutti ! Grazie di essere passato in questo angolo frenetico…

      Mi piace

      1. newwhitebear ha detto:

        Leggerti mi rilassa!

        Mi piace

      2. La Cri' ha detto:

        E’ un complimento vero? 🙂
        Grazie per la costanza, dunque, e per essere ritornato tra queste pagine.

        Mi piace

      3. newwhitebear ha detto:

        Un complimento sincero.
        Torno sempre tra le pagine che mi piaciono

        Mi piace

      4. La Cri' ha detto:

        Grazie mille, davvero.

        Piace a 1 persona

cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.