Halloween e il “ciuccio-nanna”

il

Sembra proprio che con la festa di Halloween non si riesca ad instaurare un feeling. Prima che arrivasse il piccolino (“mamma, io grande!”), pensavo che in fondo noi italiani adoriamo fare festa a tal punto da fare nostre anche le feste degli altri, come la notte delle streghe, il 31 ottobre, festa di Halloween, molto sentita e festeggiata negli Stati Uniti. Con gli appuntamenti fissati dal nido durante l’anno però ci abbiamo preso gusto, quindi, quando si parla di feste, si mettono da parte le vecchie opinioni pur di far contenti i nostri piccoli e soprattutto festeggiare in compagnia, uscendo dal tran tran quotidiano che ci vede correre tra casa e lavoro. L’anno scorso Liam aveva poco più di 15 mesi ed ero pronta a questa festa, ricordo di aver comprato un cappello nero di feltro da strega ed un cerchietto con fantasmini, ma qualche giorno prima della festa eccoci alle prese con l’influenza. Liam frequentava il nido da soli due mesi e ogni due settimane qualche acciacco e qualche malanno lo costringevano a casa.E così la prima festa di Halloween del nido l’abbiamo trascorsa a casa. Questanno promette bene, niente malanni, toccando ferro ovviamente. Penso anche a come potremmo vestirci tutti e tre per la festicciola, corro a recuperare qualche altro cerchietto buffo, non si sa mai. Penso anche ai dolcetti, ma le formine per biscotti a forma di zucca o fantasmini proprio non riesco a trovarli: li ho cercati troppo tardi e nei posti sbagliati. Ma non importa, farò a meno, quante cose posso fare senza le formine… Mi porto avanti Giovedi sera, preparando la frolla per i biscotti. Poi penso, potrei fare una piccola crostata utilizzando sempre la pasta frolla. Idee poche, in compenso molto confuse. Credo sia il finire della settimana che mi confonde le idee, tutto sembra più difficile. Lascio quindi i biscotti senza decorazioni, e termino la piccola crostata. E’ la più brutta che io abbia mai fatto in questi ultimi mesi. Ho capito, lascio da parte tutto. Ci penserò domani al ritorno dall’ufficio. E’ venerdì 31, una giornata di fuoco, seppur affrontata con tanti buoni propositi. In pausa pranzo ho deciso di andare al supermercato a comprare la pasta di zucchero, troverò così il modo di decorare questi biscottini per la festa. Il lavoro mi risucchia e non mi accorgo che si sta facendo tardi, per la seconda volta in una settimana esco tardissimo dall’ufficio e so che arriverò tardissimo al nido. Sono agitata, spengo il computer, sistemo la scrivania, prendo la giacca, saluto tutti e auguro buon week-end e lascio di corsa l’ufficio. Salgo in macchina e penso che devo subito chiamare al nido per avvisare: ” sono la Cri, sto uscendo adesso dal nido!”, “dal nido?!! Tranquilla Cri ho capito, sei uscita adesso dall’ufficio, stai tranquilla, ti aspettiamo”. Ecco, con tre parole in croce sono riuscita a far capire quanto sono “in aria”. Colpa anche di quel simpaticone con cui ho parlato prima al telefono, a volte certe persone più le tratti gentilmente più si manifestano maleducate: l’Italia del “lei non sa chi sono io”, di chi si sente potente, ha amici in vista e li utilizza per fare leva. Insomma, la solita solfa per fare pressione psicologica sul proprio interlocutore. Cerco di non pensarci, ho tanta strada da fare e sono in ritardo. Certo, però, che coda, siamo quasi fermi già qui…brutto presentimento, un gran traffico pre-Halloween mi aspetta, il punto è’.. Quanto ci impiegherò a tornare a casa? tutti in giro, o meglio tutti in coda, ovunque. Varco la soglia del nido ben oltre le 17.30, Liam e’ l’ultimo ad andar via oggi. Mi sento tremendamente in colpa.  Devo imparare a non sforare con l’orario, poteva andare peggio col traffico. Ci precipitiamo a casa, abbiamo poco tempo, la festa inizierà alle otto. Devo finire i biscottini e poi dobbiamo prepararci e il tempo non basta mai. Certo, con i minuti contati non è’ facile utilizzare per la prima volta la pasta di zucchero..ci litigo un po’ e alla fine riesco ad inventarmi ed improvvisare qualcosa. Non sono bellissimi, ma sono carini, forse con Halloween ho proprio feeling, non mi sento molto ispirata, visti i risultati. La tensione e’ a mille ho quasi finito, è’ ora di prepararci. Forza Liam, andiamo a prepararci, è’ ora di andare alla festa. In mezz’ora dovremmo fare ciò che usualmente facciamo in due ore: prepararci, un’ora a testa, una per me e una per Liam…anzi no, dieci minuti per me ed il resto per Liam: perché prepararlo equivale a corteggiarlo, riuscire a distrarlo da ciò che sta facendo per cambiarlo, lavarlo, vestirlo. Sorride sotto i baffi, che non ha, sgattaiola da tutte le parti, sembra una piccola anguilla, non vuole farsi prendere, non vuole farsi cambiare e tutto il resto,questo mio piccolo ricciolino, e sembra già sapere che, da quella porta, in realtà non usciremo.. Mio marito ancora non arriva ed e’ quasi tempo di uscire..Saranno già tutti arrivati, la musica sarà già alta, mancheremo solo noi? Siamo in ritardo..improvvisamente mi sento addosso tutta la frenesia di questa lunga giornata e un po’ di ansia mi assale…Molto candidamente, mi guarda e con fare molto pacato mi dice: “Mamma, buio…” …ma tesoro, i tuoi amici ti aspettano, facciamo una festa tutti insieme, dai che andiamo a cambiarci! “Mamma, ciuccio e nanna”. Parte il mio primo messaggio via Skype disperato alle amiche mamme:siete già li? Liam e’ ko, non veniamo… Inutile chiamare, pensavo, nel bel mezzo dei festeggiamenti chi sentirà il telefono? La più dispiaciuta di casa sono io. La festaiola di casa, diciamo. a questo punto penso anche che papà e figlio si somiglino molto, solidali sul divano. La verità e’ molto più semplice: la sveglia di Liam di ogni giorno non è per niente generosa, poiché segue la mia. Alle 6, già in piedi. E il venerdì, arriva stra cotto. Mio marito crolla quasi subito, anche lui stanco dopo una bella settimana, Liam pacifico col suo ciuccio che va su e giù e la sua copertina. Io sconsolata, guardo i miei patetici biscottini e la crostata alla marmellata di lamponi più brutta del secolo e penso che ho accontentato mio figlio, ma che avrei proprio avuto voglia di fargli vivere questa bella festa insieme agli altri bimbi, e di vivere io stessa una bella serata nel suo genere divertente, certo spensierata, con un gruppo di mamme che ormai sono anche amiche. E da vere amiche, mi hanno aspettato per ben tre quarti d’ora, mi hanno chiamata per chiedermi dove fossi e a festa terminata, mi hanno mandato un messaggio: “Cri, ci siete mancati!”… Anche voi! Ci siamo persi un pezzetto di storia di questo anno di Nido, una piccola tessera del mosaico. “Mamma, e’ buio…..” IMG_2162.JPG

Annunci

12 commenti Aggiungi il tuo

  1. Alla fine delle elementari sarai felicissima di saltare qualche festa! L’importante è che lui sua stato contento così. I biscottini erano davvero carini!

    Mi piace

    1. La Cri' ha detto:

      Immagino, per me adesso e’ tutto cosi nuovo che vorrei sempre festeggiare. E’ vero, alla fine conta la sus felicita’! Grazie di essere passata

      Mi piace

  2. Laura ha detto:

    Ma tesoro, hai fatto bene, sei una mamma fantastica, Liam e’ fortunato, sai a quante feste andrete insieme, se vuoi te le elenco tutte, 😀 quello che hai fatto tu e’ ascoltare tuo figlio, ti dico una cosa importante, lavorare non vuol dire non stare con il proprio figlio perche’ tu sei l’esempio di una mamma che lavora tutto il giorno e quando torna a casa sa ascoltare il suo bambino, bravissima! I biscotti sono bellissimi e presumo buonissimi, un bacione cara, buona giornata per domani!! ❤

    Liked by 1 persona

    1. La Cri' ha detto:

      Cara Laura, grazie ancora, il tuo incoraggiamento mi riempie sempre il cuore di gioia. Dalle tue parole sei una mamma dolcissima! I biscotti erano un po’ alla spicciolata, ma prometto che l’anno prossimo mi impegno di piu’! Il gusto era buono, sull’estetica posso farcela 🙂 un bacione ❤

      Mi piace

  3. rosenuovomondo ha detto:

    ma si tranquilla avrà un sacco di altre feste di Halloween a cui partecipare… (ti capisco eh… da festaiola a festaiola…)

    Liked by 1 persona

    1. La Cri' ha detto:

      Meno male che tra festaiole ci si capisce 🙂 grazie! Baci!

      Liked by 1 persona

  4. Silvia ha detto:

    Tu hai fatto il possibile, ma ancora è piccolino per le feste serali, gli viene sonno, sarà meglio i prossimi anni, intanto ti sei allenata! Buona giornata!

    Date: Wed, 5 Nov 2014 22:12:42 +0000 To: silvia-1959@live.it

    Mi piace

    1. La Cri' ha detto:

      E’ vero, sai, e’ piccino, mi viene in mente quanto mi ha detto mio padre “e’ stato piu saggio lui di te…” …. Ehm ehm, questi nonni…. 🙂 un abbraccio e grazie!

      Mi piace

  5. monticiana ha detto:

    Ma che bei mostruosi biscottini!! 🙂 w gli imprevisti! tutto il resto è noia :))

    Mi piace

    1. La Cri' ha detto:

      Ciao! Sono solo mostruosi 🙂 grazie di essere passata a trovarmi, e’ vero, senza imprevisti sarebbe tutto cosi monotono..un abbraccio

      Liked by 1 persona

  6. stefaniamammaleo ha detto:

    È vero che ci siete mancati..ma hai fatto bene ad ascoltare liam..anche se piccoli hanno il diritto di dire la loro.ha voluto la mamma tutta x se la sera di halloween, come dargli torto! P.s ho comprato tt gli ingredienti x i biscotti allimone ma dopo una settimana non sono ancora riuscita a farli..:'( A PRESTO!

    Mi piace

    1. La Cri' ha detto:

      Ciao Stefi! Avrei voluto essere in due posti contemporaneamente! So che e’ stata una bella festa divertente, sarebbe stato bello esserci tutti. Ma Liam ha detto stop, si a volte e’ casalingo a volte no… E’ vero, ha voluto le coccoline 🙂 per i biscotti c’e tempo, adesso che ci si prepara al natale ci sono un sacco di occasioni per provarli 🙂 un abbraccio, spero di rivederti presto.

      Mi piace

cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...