Il potere disalienante dello shopping

Alienate?

Stressate?

Un po’ giù di morale?

Qualunque sia la causa – lavoro, casa, traffico, etc..- contro il logorio della vita moderna, se i vostri hobby preferiti non riuscissero a farvi rilassare o, peggio, il tempo a disposizione non fosse più sufficiente per praticarli, all’insegna del consumismo, un po’ di “sano” shopping aiuta a svagare.

Risucchiata dalla vita di mamma in corriera, con le borse sotto gli occhi sempre più pronunciate per la stanchezza, le vacanze che non arrivano mai, ritmi di lavoro sempre più frenetici grazie all’espansione di un network sempre più veloce, con soli 3 euro e 90 centesimi sabato mattina mi son regalata un po’ di bellezza.

Dove? Da KIKO Milano.

I cosmetici sono la mia passione da quando avevo 13 anni, economici a 15 anni, griffati a 30 anni, naturali e vegetali in gravidanza, la profumeria e’ il luogo dove una donna che cerca 10 minuti per la propria bellezza, si dimentica di tutto il resto. E’ bastato l’acquisto di un rossetto e quindi di un po’ di attenzione per me stessa per farmi stare meglio..

Non mi sono posta il problema di controllare l’etichetta degli “ingredienti” (per quella cifra, di certo non posso chiedere di avere i cosmetici vegetali alla Yves Rocher, pur sempre economico nel suo genere). Non mi sono posta neanche il problema se, per quella cifra, il rossetto fosse superdurevole o super fashion Stile Dior: dopo anni di Dior Addict, mascara, lipgloss, fondotinta, super fantastici rossetti, profumi, ho, per il momento, lasciato un po’ da parte questa ammaliante griffe.

Passano gli anni, cambiano le priorità, cambiano le spese..certo mi chiedo come faccia KIKO ad avere i prezzi così contenuti: rossetti a partire da 3 euro e 90, smalti da 1,90, mascara da 8 euro, ma questa e’ un’altra storia..

..Con lo shopping, bisogna riuscire a fermarsi… Cosa che trovo alquanto difficile.

Ma quello che importa e’ che per un paio d’ore dentro e fuori negozi, anche solo guardando, mi è passata quella malinconia da mamma che non ha più tempo per se stessa.

Sephora e KIKO per il mio make-up e voglia di vedersi bella.

H&M e TEZENIS per maglie e pantaloni a prezzi più che ragionevoli.

Addirittura ho scoperto che H&M, all’insegna della crisi e del riciclo, da un paio d’anni ritira i sacchetti di abiti dismessi dalla propria clientela, offrendo in cambio, un buono sconto di 5 euro per successivi acquisti.

Conbipel per l’abbigliamento da ufficio: continuano le offerte in corso , regalano il 50% sui prossimi acquisti fino al1 giugno.

E poiché al primo posto nei miei pensieri nonché acquisti c’è sempre il cucciolo, una tappa da Z abbigliamento la faccio volentieri: sono in corso gli sconti dal 30 al 60% su una selezione di articoli.

Niente libreria questa volta…solo frivolezze..ci voleva!

Annunci