Crostata al cacao e confettura di frutti di bosco

Crostata al cacao e confettura di frutti di bosco

La crostata al cioccolato e’ uno di quei dolci che non si dimentica. Se poi la frolla al cacao é firmata Ernst Knam, re del cioccolato, nonché giudice da sempre di Bake Off, beh non resta che prepararla e assaggiarla!

Reallizzarla e’ semplice e il risultato garantito! Uno scrigno di cacao avvolgente che vi conquisterà!

Ingredienti:

Pasta frolla al Cacao E. Knam

  • 170 g Farina 00
  • 100 g burro
  • 100 g zucchero
  • 2 g di sale fino
  • scorza di limone grattugiata
  • 1 uovo intero
  • 30 g di cacao in polvere
  • 4 g di lievito per dolci

Un vasetto di confettura ai frutti di bosco (io ho utilizzato “la Pasticcera” di Zuegg, 3/4 del contenuto)

Preparazione:

  1. Setacciare in una ciotola farina, cacao e lievito e tenere da parte
  2. Nella planetaria, lavorare il burro morbido con lo zucchero, il sale e la scorza di limone grattugiata.
  3. Aggiungere velocemente l’uovo, e farina, cacao e lievito precedentemente setacciati.
  4. Appena gli ingredienti saranno amalgamati, togliete l’impasto e formate un panetto, avvolgetelo nella pellicola e ponetelo a riposare in frigorifero per 2 ore.
  5. Trascorso questo tempo, prelevate il panetto dal frigorifero e dividetelo a metà: una vi servirà’ per il fondo e i bordi, e l’altra per le strisce di decorazione. Riponete in frigorifero la metà’ che non utilizzate subito.
  6. Scegliete un anello o uno stampo con fondo amovibile di circa 24 cm, imburratelo e infarinatelo
  7. Prendete due fogli di carta forno e in mezzo poneteci il panetto, che avrete spolverato leggermente di farina; in questo modo riuscirete a stendere il panetto senza che la pasta frolla si attacchi al mattarello
  8. Foderate con il disco di frolla la base dello stampo; poi con la pasta in eccesso, realizzate prima un cordoncino lungo, stendetelo con il mattarello e la striscia di frolla così realizzata utilizzatela per realizzare il bordo della crostata, schiacciatelo lungo i bordi dell’anello o dello stampo. Per chiudere le giunture tra il disco e la cornice utilizzate un pennellino imbevuto in pochissima acqua.
  9. Bucherellate con una forchetta il fondo
  10. Farcite la crostata con la confettura di frutti di bosco
  11. Preriscaldate il forno a 180 gradi, ventilato.
  12. Riprendete il mezzo panetto dal frigorifero, infarinatelo e stendetelo con il mattarello, formando un disco, realizzate tante strisce di larghezza 2 cm. (Se la frolla e’ troppo morbida e appiccicosa, aggiungete un po’ di farina all’impasto, realizzate le strisce e fatele riposare in frigorifero tra due figli di carta forno finché non si solidificano.)
  13. Decorate la crostata e cuocete a 180 gradi in modalità ventilato per circa 25-30 minuti.

Questa crostata e’ scioglievole e golosissima, rimane piuttosto morbida ed avvolgente, da provare!

Torta di Pan Goccioli

Torta di Pan Goccioli

Quante volte mi sono ripromessa di fare i Pan Goccioli Per l’ennesima volta, solo per il gusto di provare l’ennesima nuova ricetta!Ed eccola qui, l’ennesima ricetta.. ma un po’ più “scenografica”!

Torta di Pan Goccioli

Torta di Pan Goccioli

Si tratta della Torta di Pan Goccioli, tanti panini Pan Goccioli uno vicino all’altro, per un dolce da colazione che vi piacerà!

Armatevi di pazienza perché e’ un lievitato e serve tempo.

La ricetta originale l’ho trovata qui http://giuliana-dicuore.blogspot.com/2013/11/pangoccioli.html?m=1 ricetta favolosa, ma per facilità ho semplificato i passaggi e modificato la modalità di cottura.

Dai che proviamo a realizzarla insieme!

https://gopro.com/v/KR0Bp3Mw9Gnke

Tempi di Preparazione:

Prima lievitazione del lievitino: 2 ore

Seconda lievitazione dell’impasto: 1 ora

Terza lievitazione: 1 ora e mezza

Tempo di cottura: 20-25 minuti

Ingredienti:

  • 250 g di farina 00 + 250 g di farina Manitoba
  • 150 g di acqua a temperatura ambiente
  • 8 g di lievito di birra fresco
  • 115 g di latte, suddivisi in due bricchi (57.50 g di latte in ognuno)
  • 80 g di Zucchero (suddivisi in 4 ciotoline da 20 g l’una)
  • 1 cucchiaino di miele
  • 1 uovo intero e 1 tuorlo
  • semi di mezza bacca di vaniglia
  • 80 g di burro morbido
  • 80 g di gocce di cioccolato (tenute in freezer)

Procedimento:

  1. Prepariamo il lievitino: prelevate 150 grammi di farina dal totale previsto di 500 g di farina.
  2. In un bricco, preparate l’acqua a temperatura ambiente e sbriciolatevi il lievito di birra, aggiungete il cucchiaino di miele e mescolatelo
  3. Versate gradualmente l’acqua, lievito e miele nella farina che avete messo nella planetaria e formate un lievitino. Se risultasse troppo liquido, aggiungete qualche cucchiaio di farina, prelevandolo sempre dalle farine mischiate in precedenza
  4. Ottenuto il lievitino, mettetelo a riposare in una ciotola coperto da pellicola fino al raddoppio, due ore circa.
  5. Trascorso il tempo, mettete il lievitino nella planetaria e per la lavorazione utilizzate il gancio.
  6. Versa il primo bricco di latte da 57.50 g, poi versa circa un quarto del totale dello zucchero (20 g), un po’ di farina per amalgamare e impasta
  7. Prosegui versando con il secondo bricco di latte, aggiungi un altro quarto dello zucchero (20 gr), e altra farina per legare e continua ad impastare
  8. Aggiungi l’albume dell’uovo, il terzo quarto di zucchero (20 gr) e altra farina necessaria per legare
  9. Aggiungi adesso il tuorlo, gli ultimi 20 g si zucchero rimasti, Farina quanto basta per legare e fai lavorare ancora
  10. Aggiungi il secondo tuorlo, i semini di vaniglia e la fatina quanto bastsa
  11. Aggiungi adesso il burro a piccoli tocchetti e l’ultima farina rimasta a e lascia impastare fino a che l’impasto non sarà incordato e si staccherà dalle pareti. Fate lavorare l’impasto per circa 20 minuti.
  12. Trasferitelo sulla spianatoia e stendetelo leggermente e versate le gocciole, richiudendo l’impasto su se stesso e Provvedendo a fare delle pieghe all’impasto cosicché le gocciole possano uniformarsi nell’impasto e lo stesso possa lievitare meglio.
  13. Ponete la palla di impasto così ottenuta in una ciotola a lievitare fino al raddoppio, circa due ore
  14. Scegliete la tortiera per ciambellone, imburrate la ed infarinatela oppure rivestitela con carta forno
  15. Riprendete l’impasto e tagliate delle palline del peso di circa 80 g l’una, ponetele nella tortiera abbastanza ravvicinate l’una all’altra e lasciate lievitare fino al raddoppio, circa un’ora.
  16. Pre-riscaldate il forno a 180 gradi statico
  17. Spennellate la superficie con latte
  18. Informate e cuocete per circa 20-25 minuti, controllate la cottura, se dovesse scurirsi troppo in superficie potete coprirla con un foglio di alluminio.
  19. Sfornate e lasciate raffreddare prima di toglierla dallo stampo.

Scoprirete un Pan Brioche eccezionale, sofficissimo, un Pan Goccioli Un po’ diverso Dal solito.

Consiglio vivamente di prepararlo al mattino per avere tempo tra lievitazione e preparazione di gustarlo in giornata.

E’ utile anche congelarlo in sacchetti per poterlo gustare sempre fragrante.

Se lo provate, mandate un messaggio, fa sempre piacere saperlo!


Danubio Pan di Stelle

Danubio Pan di Stelle

C’e un lievitato golosissimo che ho deciso di preparare durante questo week-end.

Soffice, al cacao e ripieno di cioccolato, con tante stelline bianche!

E’ il Danubio Pan di Stelle, un pan brioche soffice al cacao, ripieno di cioccolato bianco e di cioccolato fondente.

La ricetta originale e’ di https://altacucina.co/ e me ne sono innamorata subito! Ho deciso di prepararlo alternando cioccolato bianco e cioccolato fondente.

L’unico problema che mi ha costretto a posticipare la preparazione di settimana in settimana e’ stata la non reperibilità della farina 0 Manitoba al supermercato.. ho dovuto aspettare circa quindici giorni per riuscire a trovare nel supermercato di fiducia la scorta di questa farina, forse come molti di voi in questo periodo di quarantena.

E finalmente … eccomi qui!!

Ecco come si prepara.

Tempi di preparazione:

Prima lievitazione: 3 ore; Seconda lievitazione: da mezz’ora ad un’ora; preparazione ingredienti ed esecuzione: 1 ora

  • Ingredienti:
  • 500 g di farina 0 Manitoba
  • 50 g di cacao amaro
  • 100 gr zucchero
  • 1 uovo (temperatura ambiente)
  • semi di mezza bacca di vaniglia (oppure 1 bustina di vanillina)
  • 18 gr di lievito di birra fresco
  • 250 ml di latte
  • 60 g di burro a temperatura ambiente
  • un pizzico di sale
  • q. b. cioccolato bianco (8 quadratini)
  • q. b. cioccolato fondente (8 quadratini)
  • qualche biscotto Pan di Stelle (Briciole)
  • stelline di zucchero (io conservo sempre una manciata di quelle della Torta Pan di stelle)

Preparazione:

  1. Nella planetaria mettete la farina, il cacao, lo zucchero, la vaniglia e mescoliamo
  2. In una tazza, mettete il latte, intiepiditelo leggermente nel microonde
  3. Sbriciolate il lievito di birra e scioglietelo così nel latte, tenete da parte
  4. Nella planetaria, aggiungete alle polveri l’uovo intero e il latte con il lievito sciolto e amalgamate
  5. Lavorate l’impasto con il gancio (se lavorate a mano su spianatoia, impastare con le mani gli ingredienti) e aggiungete i tocchetti di burro morbido e alla fine il sale; continuate ad impastare fino a quando l’impasto non sarà “in corda”, cioè si staccherà completamente dalle pareti della ciotola avvolgendosi su se stesso.
  6. Ottenuto un panetto, mettetelo a riposare in una ciotola e coprite con pellicola fino al raddoppio di volume del panetto; io ho lasciato riposare per 3 ore nel forno spento con luce accesa.
  7. Trascorso questo tempo, riprendete il panetto e sulla spianatoia, lavoratelo un po’ con le mani poi prelevate dei pezzi di impasto, dovrete ricavare 16 palline
  8. Stendete con le mani ogni pallina di impasto, formando un quadrato, inserite un quadretto di cioccolato bianco oppure di cioccolato fondente, qualche briciola di biscotto, poi richiudete i lembi di pasta alla base, pizzicando bene affinché non si aprano in cottura e dando la forma di una sfera
  9. Scegliete una tortiera del diametro di 24 cm, imburratela ed infarinatela. Io ho utilizzato un anello regolabile, l’ho imburrato e infarinato, l’ho posto sopra la teglia ricoperta di carta forno e all’interno ho posizionato le palline di Danubio.
  10. Riponete all’interno le palline farcite con il cioccolato, distanziandole leggermente tra di loro e lasciate lievitare ancora per un’ora, coperto da panno o pellicola
  11. Pre-riscaldate il forno in modalità statico a 180 gradi.
  12. Quando la seconda lievitazione sara’ ultimata, spennellate la superficie del Danubio con il latte e cospargetela di stelline di zucchero
  13. Infornate per circa 20-25 minuti.
  14. A cottura ultimata, sfornare e lasciare raffreddare prima di sformarlo su un piatto da portata


Questo Danubio risulterà sofficissimo, morbido con un cuore di cioccolato che mi ha letteralmente conquistato.

Direi che per gli amanti del cioccolato, il Danubio Pan di Stelle al cacao puo’ essere davvero una merenda golosissima!

Conservatelo coperto da pellicola o alluminio per qualche giorno; oppure, prelevate dei pezzi e congelate nei sacchetti gelo così potrete gustarli durante la colazione del prossimo week-end!

treccine soffici di soli albumi

Treccine soffici di soli albumi

Se anche voi come me, durante i preparativi di Pasqua, avete utilizzato molti tuorli ed avanzato gli albumi, ecco una nuova idea per riutilizzarli.

treccine soffici di soli albumi

Di idee ce ne sono sempre molte, dalla Ciambella nuvola al cacao, alla torta di soli albumi, ai Financiers, alle meringhe, alla Angel Food Cake.

Oggi vi presento delle brioche sofficissime che potrete utilizzare per la colazione o la merenda.

Treccine soffici di soli albumi

Sono treccine realizzate con gli albumi che risultano leggere e molto soffici.

Da aggiungere nella lista dei dolci da preparare quando non sappiamo come utilizzare le chiare d’uovo rimaste inutilizzate.

Tempo di preparazione: circa un’ora

Più il Tempo di lievitazione:

2 ore prima lievitazione; 1 ora e mezza la seconda lievitazione

treccine soffici di soli albumi

Ingredienti:

  • 90 g di albumi (sono circa 3 albumi) a temperatura ambiente
  • 350 g di farina 00
  • 12 grammi di lievito di birra fresco
  • 100 ml di latte
  • 60 g di zucchero semolato
  • 40 g di burro a temperatura ambiente
  • un pizzico di sale
  • scorza grattugiata di un’arancia non trattata
  • granella di zucchero

Procedimento:

  1. Scaldate leggermente il latte in un pentolino oppure nel microonde, sbriciolate e scioglietevi il lievito di birra fresco. Il latte non dovrà essere freddo, nè bollente ma tiepido
  2. In una ciotola, lavorate il burro con lo zucchero
  3. Setacciate la farina direttamente nella planetaria (oppure su una spianatoia). Vi servirà il gancio “a foglia” (o a scudo)
  4. Aggiungete gli albumi (non dovranno essere montati, io li ho leggermente sbattuti con una forchetta), la scorza grattugiata dell’arancia, versate, a filo, il latte con il lievito sciolto, il burro con lo zucchero già lavorati in precedenza e lavorate l’impasto; aggiungete una presa di sale
  5. Dovrete ottenere un impasto morbido e amalgamato, che si stacchi dalle pareti della planetaria
  6. Se necessario, lavorate ancora un poco a mano l’impasto su una spianatoia e formate una palla; dovrà risultare al tatto molto morbido e non appiccicoso, in caso lo fosse, aggiungete una spolverata di farina
  7. Lasciate riposare il panetto in una ciotola coperta da pellicola, nel forno spento con luce accesa per circa due ore. L’impasto dovrà almeno triplicare di volume.
  8. Trascorso questo tempo di lievitazione, lavorate sulla spianatoia l’impasto e tagliate dei pezzetti di impasto grandi come una pallina, dividetelo in tre e formate con le mani, con ognuno dei pezzetti, un filoncino, poi preparate le treccine. Con questa quantità di impasto io ho realizzato una treccia di media grandezza, e cinque treccine piccole.
  9. Foderate con carta forno la teglia forno, adagiatevi le treccine e lasciate lievitare in luogo riparato ancora per un’ora e mezza, coprendo sempre con pellicola.
  10. Pre-riscaldate il forno a 180 gradi in modalità statico.
  11. Trascorso il tempo della seconda lievitazione, spennellate la superficie con del latte, poi infornate le treccine di soli albumi in forno e fate cuocere per circa venti minuti o fino a quando la superficie non risulterà dorata.

Queste treccine sono profumate e molto soffici e si prestano molto ad una prima colazione invitante.

treccine soffici di soli albumi

Conservatele nei sacchetti perché come sapete i lievitati il giorno dopo tendono ad asciugarsi e a diventare più duri. Oppure é consigliabile congelarle nei sacchetti gelo per consumarle in altra occasione.

treccine soffici di soli albumi
Torta sbriciolata al cacao con ricotta e scaglie di cioccolato fondente

Torta sbriciolata al cacao con ricotta e scaglie di cioccolato fondente

Da quando e’ iniziata la quarantena, la sensazione che tutti i giorni siano uguali mi ha assalito e almeno la domenica cerco di non farmi “risucchiare” dalle incombenze casalinghe come capita durante gli altri sei giorni.

E così ben venga pranzare in giardino e ricordarsi che la domenica dovrebbe essere per tutti, anche per chi e’ sempre a casa, un giorno di “relax”: ho rimandato a lunedì tutte quelle faccende che non erano urgenti, preparato il pranzo E gustato in giardino e poi, nel pomeriggio, mi sono fatta aiutare da Liam a preparare una torta.

Torta sbriciolata al cacao con ricotta e scaglie di cioccolato

Una cosa che ho imparato in questi quaranta giorni e’ non dare nulla per scontato perché non è così scontato trovare sempre i prodotti che utilizzo abitualmente al supermercato, utilizzare in modo misurato gli ingredienti che ho in casa, se possibile non sprecarli perché potrei non trovarli nel giorno e nell’orario in cui si va a fare la spesa, ormai confinata ad una volta alla settimana.

E così, controllando in frigorifero, ho notato che la scadenza della ricotta era ormai molto ravvicinata. Perché se fare la spesa una volta a settimana ti consente di fare grande scorta e di non dover uscire spesso in questa situazione di contingenza, dall’altro e’ pur vero che se non si utilizzano in modo accorto i prodotti acquistati si rischia di doverli buttare via.

Torta sbriciolata al cacao con ricotta e scaglie di cioccolato

Per accontentare così tutti, ho pensato di preparare la Torta sbriciolata al cacao con ricotta e scaglie di cioccolato fondente.

Torta sbriciolata al cacao con ricotta e scaglie di cioccolato

Questa sbriciolata e’ una Torta sbriciolata, quindi ho realizzato dei bordi abbastanza alti con la frolla sbriciolata così da formare un guscio che potesse contenere un bel ripieno di ricotta e – poiché non ho più in dispensa le gocce di cioccolato ma un blocco di scorta di cioccolato fondente – ho preparato delle scaglie.

Cioccolato fondente

Ecco come si prepara.

Ingredienti:

  • 250 g di farina 00
  • 50 g di cacao amaro in polvere
  • 100 g di burro freddo
  • 100 g di zucchero
  • 8 g di lievito vanigliato per dolci
  • 1 uovo
  • estratto di vaniglia o semini di mezza bacca di vaniglia

Per il ripieno:

  • 350 g di ricotta ben sgocciolata
  • 150 g di zucchero
  • 1 uovo intero
  • 100 g di cioccolato fondente
  • Estratto di vaniglia (o semini di mezza bacca di vaniglia)
Torta sbriciolata al cacao con ricotta e scaglie di cioccolato fondente

Preparazione:

  1. Inserite tutti gli ingredienti della sbriciolata in un mixer, o in una planetaria e azionate a velocità media, gli ingredienti si devono amalgamare formando un composto molto granuloso.
    Se utilizzate il Bimby, basteranno 40 secondi a velocità 4. Io ho utilizzato 1 minuto per ottenere una sbriciolata più fine
  2. Pre-riscaldate il forno a 180 gradi in modalità statico
  3. Scegliete una tortiera da 20 cm a cerniera e con fondo amovibile, oppure un anello regolabile da pasticceria
  4. Foderate con carta forno la teglia se utilizzate un anello
  5. Imburrate ed infarinate la tortiera o l’anello
  6. Su di un tagliere, con un coltello grande e affilato tagliamo grossolanamente il cioccolato fondente, realizzando delle scaglie
  7. In una ciotola, mettiamo la ricotta ben sgocciolata, lo zucchero e lavoriamo bene con un cucchiaio così da far sciogliere lo zucchero
  8. In una ciotolina mettiamo l’uovo intero E sbattiamolo leggermente con la forchetta, poi travasiamolo nel composto di ricotta e zucchero e lavoriamo amalgamando bene
  9. In ultimo, aggiungiamo le scaglie di cioccolato fondente e amalgamiamo tutto
  10. Prendiamo una parte della sbriciolata al cacao e realizziamo il fondo della torta, Versandolo sulla base e premiamo con il dorso di un cucchiaio evitando di lasciare buchi
  11. Con altra sbriciolata realizziamo Con le mani i bordi della torta, premendo contro l’anello o la tortiera affinché’ il composto si indurisca un po’. Regolatevi con la quantità di sbriciolata: dovreste utilizzare un terzo per il fondo, un terzo per i bordi e un terzo per la superficie
  12. Ora che il guscio di frolla e’ realizzato, con un cucchiaio versiamo la farcia di ricotta e cioccolato nella torta e livelliamo
  13. Copriamo accuratamente tutta la superficie di ricotta con la sbriciolata al cacao rimasta, evitando di lasciare buchi
  14. Se il forno ha raggiunto la temperatura di 180 gradi possiamo infornare, facciamo cuocere Per 35-40 minuti. La cottura può variare da forno a forno, io ho iniziato a controllare la cottura dopo i 30 minuti.
  15. Sfornate il dolce e lasciatelo raffreddare completamente.
  16. Una volta freddo, sformate la torta sbriciolata al cacao su un piatto piano, passando un coltello lungo i bordi della tortiera e poi aprendo delicatamente l’anello e sfilandolo.
  17. Se vi piace, potete spolverizzare leggermente con zucchero a velo
Torta sbriciolata al cacao con ricotta e gocce di cioccolato fondente

Questa sbriciolata e’ davvero golosa! Il ripieno di ricotta con le scaglie di cioccolato poi la rende speciale!

Torta sbriciolata al cacao con ricotta e scaglie di cioccolato fondente

Potrete conservare la Torta sbriciolata anche in frigorifero, sara ancor più deliziosa.
Provatela se vi va 👍🏻 e condividete la ricetta 🔄

Torta sbriciolata al cacao con ricotta e scaglie di cioccolato fondente
Plumcake allo yogurt

Plumcake allo yogurt

La colazione fatta con ingredienti semplici e genuini é sempre una buona abitudine, sia per i bambini che per noi adulti.

Dovrebbe essere uno dei pasti più importanti della giornata per darci la giusta energia per affrontare tutta la giornata.

Il Plumcake allo yogurt é uno di quei “dolci” che probabilmente non stanca mai, nonostante il tempo passi, gustato a colazione con una calda tazza di caffelatte oppure come merenda, é sempre apprezzato.

Abbiamo visto di recente come preparare il golosissimo Plumcake al cacao e gocce di cioccolato, (https://secondastella72.com/2020/03/09/plumcake-al-cacao-con-gocce-di-cioccolato-ricetta-bimby) oggi vi propongo la mia versione per preparare un plumcake allo yogurt buono e genuino. So che avrete già tutte la ricetta del cuore per realizzarlo, se vi va provate anche la mia.

E’ una rivisitazione di una ricetta letta su un piccolo opuscoletto di almeno dieci anni fa dedicato alle torte e poi dimenticata li.

Ecco come ho preparato il Plumcake allo yogurt.

Ingredienti:

  • 3 uova a temperatura ambiente
  • 200 g di farina 00
  • 60 g di frumina (o in alternativa di fecola di patate)
  • 200 g di zucchero
  • 250 ml di yogurt bianco (o 2 vasetti da 125 ml, all’albicocca o alla vaniglia, andranno benissimo)
  • 50 ml di olio di semi
  • semini di mezza bacca di vaniglia, oppure un cucchiaino di estratto di vaniglia
  • 10 g di lievito per dolci

Preparazione:

  1. Pre-riscaldate il forno in modalità statico a 170°
  2. Procuratevi uno stampo da plumcake della grandezza 23×10 cm, imburratelo (oppure spennellatelo con dell’olio) e infarinatelo
  3. Mettete le uova nella planetaria e versatevi lo zucchero, montando con le fruste elettriche (io ho utilizzato “la foglia”) fino a quando il composto non diverrà chiaro e spumoso
  4. A parte, prendete un colino o setaccio e una ciotola, setacciate la farina, la frumina (o la fecola) e il lievito.
  5. Incorporate delicatamente la farina setacciata, un pò alla volta e continuate ad amalgare l’impasto
  6. Aggiungete ora lo yogurt, l’estratto di vaniglia, l’olio di semi a filo, e lavorate il composto continuando ad usare la foglia fino ad ottenere un composto omogeneo
  7. Versate il composto così ottenuto nello stampo e cuocete in forno (che dovrà aver nel frattempo raggiunto la temperatura di 170°) per circa 45-50 minuti. Il tempo di cottura può cambiare da forno a forno, quindi consiglio di iniziare dopo i 40 minuti a verificare con uno stecchino, se fuoriesce asciutto il plumcake, se ancora umido di impasto, attendere e lasciar cuocere ancora.
  8. Una volta cotto, sfornate e lasciate raffreddare il plumcake nel suo stampo (si romperebbe se ancora caldo cercherete di estrarlo)
  9. Una volta freddo, sformate il plumcake. Se vi va, spolverizzatelo di zucchero a velo

Il sapore delicato e neutro di questo plumcake piacerà a grandi e piccini, un’ottima soluzione per una buona colazione.

Le idee per questo momento così importante della giornata non sono mai abbastanza.
Che ne dite di provarlo?

Plumcake allo yogurt
Biscottoni da inzuppo

Biscottoni da inzuppo

La prima volta che ho letto il titolo di questa ricetta, mi é scappato un sorriso. Ed ho pensato che una delle azioni più semplici del mondo per chi come me fa colazione con il caffelatte, cioé “inzuppare” biscotti (o fette biscottate, come nel mio caso) nel latte, si fosse finalmente “concretizzata” apparendo con questa parola quasi buffa sulle bacheche di alcune foodblogger in modo molto “easy”… sì, in fondo chi non ha mai inzuppato un buon biscotto in una calda tazza di latte..”inzuppare” i biscotti nel latte a colazione mi riporta a quando ero bambina, rito ripetuto nel pomeriggio anche per merenda.

Quando poi dal titolo sono passata alla fotografia che doveva immortalare questa ricetta, ho avuto un ulteriore “flash”: non ricordo bene dove io abbia visto questo formato di biscotti, ma credo a casa delle mie nonne, non ricordo più, ma questo tipo di biscotto così rustico e questa azione di inzuppare i biscotti nel latte.. beh é un “insieme” di ricordi che mi riporta a quando ero bambina.

Esistono biscotti che per consistenza sono proprio fatti per essere “pucciati” nel latte. Grazie a Tavolartegusto per la ricetta semplice ed efficace, (https://www.tavolartegusto.it/ricetta/biscotti-al-latte-da-inzuppare/amp/) ho preparato i biscottoni seguendo la sua ricetta e poi una variante: in tempi di Coronavirus non ho più tante uova da “sprecare”, ho finito le “gocce di cioccolato”, ma per fortuna ho una tavoletta di cioccolato fondente e così la seconda variante dei biscotti é fatta con scaglie di cioccolato fondente.

Il bello di questi biscotti é che una volta preparato l’impasto, si può subito lavorare tagliando dei pezzetti di pasta, lavorandoli a pallina e poi formando dei filoni e si infornano. L’effetto craquele é voluto ed é quello che rende questi biscotti ancora più rustici ancora più tradizionali.

Ecco come si preparano:

Ingredienti:
Per circa 16 biscottoni

  • 2 uova a temperatura ambiente
  • scorza grattugiata di limone e di arancia
  • semini di mezza bacca di vaniglia (oppure 1 cucchiaino di estratto di vaniglia )
  • 370 g di farina 00 (Oppure 300 g più Fino a 3 cucchiai di farina)
  • 100 g di zucchero semolato + q. b. per la finitura
  • 50 g di olio di semi
  • 50 ml di latte
  • mezza bustina di lievito per dolci
  • 1 presa di sale fino
  • q. b. di zucchero a velo
  • Per la variante: cioccolato fondente tagliato al coltello in scaglie q.b.

Preparazione:

  1. Nella ciotola della planetaria grattugia la scorza di limone e di arancia, metti la vaniglia, le due uova, l’olio, il latte e lo zucchero, la presa di sale e lavora con la “foglia” il composto
  2. Aggiungi la farina, poi il lievito e lavora l’impasto finché non diventa amalgamato, un panetto omogeneo tipo di pasta frolla; se vedi che l’impasto é troppo appicicoso aggiungi farina quanto basta: per me sono serviti altri 3 cucchiai di farina
  3. Preriscalda il forno a 180 gradi modalità ventilato
  4. Impasta su una spianatoia leggermente infarinata il panetto, poi preleva delle palline di impasto, circa 70 grammi e fai dei filoni, scegli lunghezza e grandezza che preferisci. Considera tuttavia che lieviteranno cuocendo
  5. Per la variante con scaglie di cioccolato, preleva metà impasto, aprilo e in mezzo metti le scaglie di cioccolato, poi lavora l’impasto amalgamandolo
  6. Rigira i filoni nello zucchero semolato e poni su una teglia distanziati tra di loro. Utilizza una teglia che per dimensioni possa stare in frigorifero
  7. Una volta preparati tutti i biscottoni, spargi dello zucchero a velo e poi riponi in frigorifero per circa un quarto d’ora
  8. Trascorso questo tempo, inforna per circa quindici- venti minuti.
  9. Lasciali raffreddare completamente prima di gustarli

Se in questi giorni di quarantena, vi ritrovate tra una spesa e l’altra senza biscotti per la colazione, vi consiglio questi, per l’inzuppo sono proprio l’ideale!

Consiglio di conservarli in una scatola di latta per mantenerli fragranti.

Biscottini ovetto con marmellata di limoni

Biscottini Ovetto alla marmellata di limoni

Si avvicina a grandi passi la Pasqua.

Nonostante queste giornate di isolamento in casa possano sembrare lunghe, dopo più di un mese concordiamo tutte sul dire che riusciamo a tenerci super impegnate anche stando a casa! Le giornate piene di cose da fare.

E perché no, di ricette da provare!

Oggi vi propongo dei biscottini che richiedono un po’ di manualità perché sono “doppi” ma che potrete fare anche con i vostri bimbi.

Se non avete una ricetta preferita o rodata che amate per fare i biscotti, vi propongo questa, che consente di realizzare biscotti che non perdano la forma durante la cottura.

Ingredienti:

  • 220 g di burro morbido
  • 140 g zucchero a velo
  • 32,50 g di tuorli d’uovo (2) – temperatura ambiente
  • 310 g di farina 0
  • 62,50 g di fecola di patate
  • 1,5 g di sale
  • buccia di limone grattugiata o in alternativa semi di bacca di vaniglia
  • zucchero a velo q.b. per la decorazione
  • per la farcitura dei biscotti: marmellata di limoni q. b.

Procedimento:

  1. Impastate come una frolla: in una planetaria impastate (con la “foglia”) prima lo zucchero con il burro e lavorate pianissimo
  2.  Aggiungete i tuorli, uno alla volta
  3. A parte, setacciate farina e fecola, aggiungete il sale e la buccia grattugiata di limone (o i semi di vaniglia) e aggiungetele gradualmente, in due o tre volte, all’impasto
  4. Appena l’impasto risulterà compatto (ci vorranno due o tre minuti di lavorazione) togliete l’impasto dalla planetaria, formate un panetto  e avvolgetelo nella pellicola
  5. Riponete in frigo per almeno dodici ore, oppure la sera precedente per poterlo utilizzare il giorno dopo
  6. Quando riprenderete la frolla, lasciatela ammorbidire leggermente e poi iniziate ad utilizzarla. Il consiglio e’ utilizzare poco impasto per volta, lasciando riposare il resto in frigo fino a qualche minuto prima di utilizzarlo. La pasta frolla va lavorata poco con le mani per evitare che si riscaldi, quindi é consigliabile lavorarla subito quando é fredda perché sarà più facile da stendere e da incidere con gli stampi per biscotti
  7. Preparate le teglie con carta forno e preriscaldate il forno a 180 gradi ventilato
  8. Per maggiore facilità, lavorate la pasta tra due fogli di carta forno, stendetela con il mattarello, non troppo alto poiché il biscotto sarà doppio;
  9. Con lo stampino ovale a forma di ovetto, ritagliate la pasta frolla; ottenuti i biscotti a forma ovale, procuratevi il beccuccio di una sac a poche e con la base rotonda, intagliate un numero di biscotti pari ai biscotti che lascerete a forma ovale; questi con il foro, infatti, una volta cotti verranno sovrapposti alle basi a forma ovale.
  10. Qualora la pasta frolla si scaldasse e fosse difficile incidere le forme, vi consiglio di riporla ancora in frigorifero per farla raffreddare
  11. Una volta pronte le sagome dei biscotti, cuocerli per per circa 10-12 minuti, nel ripiano medio del forno
  12. Sfornare e lasciar raffreddare completamente, altrimenti rischiate che si rompano
  13. Spolverate di zucchero a velo i biscottini che hanno il foro centrale
  14. Scaldate per pochi secondi nel microonde la marmellata di limoni, in modo tale che sia più facile stenderla sulla base dei biscotti senza premerli e rischiare di romperli
  15. Farciamo ora i biscottini, tutte le basi a forma di ovetto (ma senza foro centrale): con un cucchiaino, ponete un po’ di marmellata di limoni al centro del biscottino
  16. Sovrapponete il biscottino con il foro delicatamente sopra la base farci ta di marmellata e fate una leggera pressione, affinchè la marmellata riempia bene il foro

Potrete decorare questi biscottini anche con crema pasticcera al limone, lemon curd o crema alla vaniglia.

Sono belli da realizzare e anche, perché no, da regalare o portare sulla già ricca tavola nei giorni delle festività pasquali.

Ad un biscottino, nessuno dirà di no. 😋😉👍🏻

Torta all'acqua al cacao

Torta all’acqua al cacao

Torta all'acqua al cacao

Oggi voglio parlarvi di una torta leggerissima che si prepara senza burro e senza uova e che in questi giorni in cui il Coronavirus ci costringe a casa é probabilmente il dolce ideale perché ci consente di toglierci lo sfizio di una torta golosa senza sensi di colpa.

E’ una torta ideale per gli allergici alle uova o per chi é a dieta – se lo consideriamo un piccolo “premio” della domenica, a patto pero’ che se ne mangi una sola fetta..

Per tutti i fortunelli, invece, i quali non sono in lotta con la bilancia durante l’anno, tantomeno in questo periodo di forzata “quarantena”, una fetta tira l’altra e pertanto sono sicura che non ne avanzerà.

Il bello di questa torta e’ che si prepara sporcando solo due ciotole! 😍

Questa é la mia versione al cacao, mentre qui https://secondastella72.com/2015/06/22/torta-allacqua/ potete trovare la ricetta per realizzarla senza.

Ingredienti:

4 persone, tortiera da 20 cm

  • 250 g di acqua calda
  • 185 g di farina 00
  • 40 g di cacao amaro in polvere
  • 150 g di zucchero
  • 50 g di olio di semi di mais
  • una presa di sale
  • 1 bustina di lievito vanigliato per dolci
  • 1 fialetta di aroma di vaniglia (o i semini di mezza bacca)
  • 1 cucchiaio di Rhum
  • zucchero a velo vanigliato q.b.

Preparazione:

  1. Pre-riscaldate il forno in modalità statico a 180 gradi
  2. Scegliete una tortiera del diametro di 20 cm, imburratela o irrorate i bordi con olio e poi infarinatela
  3. Prendete una ciotola e setacciate la farina con il cacao ed il lievito, mescolate con un cucchiaio di legno e aggiungete una presa di sale
  4. In un pentolino, intiepidite l’acqua
  5. In una seconda ciotola, versate l’acqua tiepida e scioglietevi lo zucchero utilizzando un cucchiaio
  6. Aggiungete a filo l’olio, l’aroma di vaniglia e il rhum
  7. Ora, versate a filo i liquidi nelle polveri, lentamente e mescolate il composto con una frusta o una spatola, fino a quando il composto non risulterà omogeneo e senza grumi
  8. Ottenuto il composto, versatelo nella tortiera
  9. Cuocete a 180 gradi per circa 35-40 minuti
  10. Sfornate e lasciate raffreddare prima di sformare il dolce
  11. Spolverizzate di zucchero a velo vanigliato, se desiderate una decorazione scegliete uno stencil da torta
Torta all'acqua al cacao

La torta e’ leggerissima appena fatta, mentre il giorno dopo sara ancora più buona perche risulterà leggermente umida. Conservatela in un portatorte, sotto una campana di vetro, o ricopritela con un foglio di alluminio.

Un piacevole strappo alla regola e in questi giorni di ridotta attività, sicuramente un peccato di gola che per calorie non ci farà sentire tanto in colpa.

Provatela, se vi va e condividetela.

Torta all'acqua al cacao
Plumcake al cacao con gocce di cioccolato

Plumcake al cacao con gocce di cioccolato – ricetta Bimby

Il plumcake é uno di quei dolci che potrei definire “comfortfood”, per quelle colazioni con caffelatte che profumano della tua casa e ti avvolgono, ti danno quella sensazione di “sicurezza” nei momenti in cui tutto sembra diventare particolarmente difficile.

Credo di avere almeno cinque diversi stampi da plumcake, di diverse dimensioni, eppure ogni volta cedo alla tentazione di comprarne di nuovi, un pò come succede per gli stampi per ciambelloni e bundt cake.

Plumcake al cacao con gocce di cioccolato

Per la merenda di oggi, visti i compiti che Liam deve svolgere quotidianamente in questi giorni di scuole chiuse per Coronavirus, ho pensato ad un plumcake al cioccolato e in rete sono scivolata dolcemente sul video della regina dei “tutorial”, Benedetta, che tutti conoscete.
(Ricetta originale la trovi qui https://www.fattoincasadabenedetta.it/ricetta/plumcake-al-cioccolato/)

Questa é la mia versione “Bimby“, velocissima e super comoda.

Ed il risultato é questo plumcake al cacao e gocce di cioccolato, soffice e goloso.

Plumcake al cacao con gocce di cioccolato

Ecco come si prepara.

Tempo di preparazione: circa 1 ora

(10 min per preparazione ingredienti e procedimento, circa 50 di cottura)

Ingredienti:

  • 3 uova
  • 200 g zucchero
  • 120 ml di latte
  • 120 ml di olio di semi
  • 250 g di farina 00
  • 40 g di cacao amaro in polvere
  • 1 bustina di lievito
  • 125 gocce di cioccolato

Preparazione:

  1. Pre-riscaldate il forno a 180° in modalità statico
  2. Imburrate ed infarinate uno stampo da plumcake, io ho utilizzato la lunghezza 20×12
  3. Nel boccale, versate uova e zucchero e mescolate per 40 secondi, velocità 4
  4. Aggiungete a filo il latte e l’olio, con le lame in movimento, per 40 secondi a velocità 4
  5. Setacciate la farina con il cacao, e versate nel Bimby: mescolate a velocita 4 per 1 minuto e 20 secondi
  6. Aggiungete il lievito: velocità 4 per 20 secondi
  7. Aggiungete le gocce e amalgamatele nel composto utilizzando una spatola, con movimenti delicati
  8. Travasate il composto nello stampo da plumcake e infornate sul ripiano medio del forno
  9. Fate cuocere a 180° per circa 45 – 50 minuti
  10. Una volta cotto (fate la prova dello stecchino, se fuori

Il plumcake può essere aromatizzato, se ci piace, con scorza grattugiata di arancia, oppure con del rhum, ad esempio.
E così una fetta tira l’altra, questo plumcake ci ha accompagnati per la merenda, una dolce e golosa pausa dai compiti da svolgere.

Se avete il Bimby, provatelo, la ricetta veloce risolve anche se organizzate merende all’ultimo minuto perché i passaggi sono davvero veloci.

E se vi piace, beh, ditelo alle vostre amiche 😉 e condividete 👍🏻

Ciambellone soffice ai mirtilli

Quanto mi piacciono i mirtilli, eppure nei dolci li uso pochissimo.

Ma qualche giorno fa, mi sono resa conto di averne un cestino in frigorifero da utilizzare in breve tempo.

Cosi ho pensato di preparare un ciambellone che fosse soffice e con i mirtilli sarebbe diventato ancor più invitante.

Ecco come l’ho preparato.

Ingredienti:

  • 2 uova a temperatura ambiente
  • 300 g di farina 00
  • 200 ml di latte intero
  • 200 g di zucchero
  • scorza grattugiata di un limone non trattato (preferibilmente Costa d’Amalfi)
  • 150 ml di olio di semi di mais
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 1 cestino di mirtilli freschi
  • 1 pizzico di sale
  • zucchero a velo q.b.

Preparazione:

  1. Pre-riscaldate il forno in modalità statico a 160° gradi
  2. Scegliete uno stampo per la ciambella di almeno 26 cm
  3. Cospargetelo di olio e spennellatelo, poi infarinatelo accuratamente
  4. Prendete la scorza di limone e grattugiatela e tenetela da parte
  5. Montate le uova con lo zucchero
  6. Aggiungete gradualmente il latte
  7. Aggiungete gradualmente l’olio di semi, fino ad assorbimento
  8. Setacciate la farina con il lievito e aggiungetela all’impasto gradualmente, aggiungete la scorza di limone grattugiata, lavorate fino ad ottenere un composto omogeneo
  9. Aggiungete infine un pizzico di sale e amalgamatelo al composto.
  10. Infarinate leggermente i mirtilli. Aggiungeteli al composto, mescolando con una spatola
  11. Versate ora il composto ottenuto nello stampo ed infornate quando il forno avrà raggiunto la temperatura di 160°, cuocete per circa 40 minuti
  12. Controllate la cottura con uno stecchino, se fuoriesce asciutto, il ciambellone sarà pronto
  13. Sfornatelo e lasciatelo raffreddare nel suo stampo
  14. Una volta raffreddato, passate un coltello lungo i bordi dello stampo per assicurarvi che si stacchi dalle pareti; ponete un piatto piano sopra il ciambellone, e capovolgete lo stampo, assicurandovi di sformare dallo stampo il dolce, senza romperlo
  15. Spolverate il ciambellone di zucchero a velo

Se utilizzate il Bimby:

inserite la buccia di limone nel boccale e tritate: 6 secondi, velocità 8. Aggiungete poi tutti gli ingredienti elencati sopra, tranne il sale e mescolate per 30 secondi a velocità Con le lame in movimento, aggiungete il pizzico di sale dal foro del coperchio del boccale.

Per la decorazione ho utilizzato Mirtilli freschi, foglioline di menta fresca e fiori di fragola E li ho appoggiati sul ciambellone, per un effetto scenografico.
A noi é piaciuto moltissimo, un ciambellone soffice e fresco grazie alla presenza dei mirtilli, ideale con una tazza di te oppure per la colazione del mattino.

Si conserva morbido se coperto da carta d’alluminio oppure sotto una campana di vetro o portatorta.

Beh, se provate, fatemi sapere come va!

Brioche col “tuppo” – con lievito madre

 

Brioche col tuppo

Ci sono dolci che sono diventati davvero un “simbolo”, li guardi e li associ al loro luogo di origine, in tutta la loro bellezza e particolarità, peculiarità, li associ a certi profumi, a certi paesaggi, tradizioni e culture.

Come la sfogliatella per Napoli, la Sbrisolona per Mantova e cosi via…

La Brioche “col tuppo” e la Sicilia, questo posto incantevole, crocevia di culture e tradizioni, terra di conquiste e di dominazioni. Quel “tuppo”, un vocabolo che chi mastica un po’ di dialetto sa che significa “chignon”, e sarebbe quella pallina di impasto che domina la brioche stessa, che poi, badate bene, si chiama, in realtà Brioscia, così viene chiamata in Sicilia, il termine “brioche” é tutto francese.

Mentre cuocevo queste meravigliose brioche, il profumo di arancia era in tutta casa, mi sembrava di essere proprio lì, con il vento caldo, il mare, i profumi di agrumi, i fichi d’india, e ancora la cornice fatta di Magna Grecia, di Saraceni e Normanni, di edifici moreschi ma anche barocchi, di Borboni.

In una Brioche col Tuppo c’é tutta la Sicilia, in tutta la sua bellezza.

 

Chiudete gli occhi e viaggiamo alla scoperta di questa meravigliosa terra, tutta da scoprire, tutta da visitare.

Ingredienti:

  • 180 g di lievito madre (rinfrescato almeno 24 ore prima)
  • 540 g di farina 0 tipo Manitoba
  • 1 uovo intero
  • 200 g di latte a temperatura ambiente
  • 120 g di zucchero semolato
  • 1 cucchiaino di miele
  • 125 g di burro tagliato a tocchetti, morbido (a temperatura ambiente). Io ho utilizzato 75 g di burro e 50 g di olio di semi
  • 1 fialetta di aroma di arancia
  • mezzo cucchiaino di sale fino
  • Per spennellare: 1 tuorlo + 1 cucchiaio di latte

Preparazione:

  1. Un giorno prima di cimentarvi con la ricetta, rinfrescate il vostro lievito madre
  2. In una ciotola, versate il latte a temperatura ambiente, il lievito madre, sciogliendolo con le mani, aggiungetevi lo zucchero, ed il cucchiaino di miele e mescolate. Se avete il Bimby: inserite questi ingredienti nel boccale e mescolate per 50 secondi a velocità 4
  3. Aggiungete nell’impasto l’uovo intero, il burro morbido e tagliato a tocchetti (oppure burro e l’olio di semi come ho fatto io) la fialetta di arancia e lavorate l’impasto. (Bimby: utilizzate per amalgamare 30 secondi a vel. 4)
  4. Aggiungete ora la farina, poco alla volta, e il sale, lavorate l’impasto man mano con le mani fino ad esaurire la farina . Dovrete ottenere un impasto uniforme compatto e morbido(Bimby: 30 sec. vel. 5; poi ancora 2 minuti e 30 secondi a velocità Spiga)
  5. Trasferite l’impasto così ottenuto in una ciotola e copritela con pellicola. Trasferite la ciotola in forno spento e lasciate raddoppiare di volume l’impasto. Io ho lasciato lievitare l’impasto per 12 ore, lasciandolo raddoppiare durante la notte
  6. Ora che la lievitazione é stata raggiunta, formiamo le brioche: per la base, vi serviranno circa 100-120 g di impasto, mentre per la sfera più piccola, serviranno circa 15-20 g di impasto. Formate la sfera più grande che servirà da base, e quella più piccola.
  7. Per assemblare la brioche, con il dito fate un buco nel centro delle basi, poi spennellate d’acqua, e aggiungetevi il “tuppo”.
  8. A questo punto, adagiate tutte le brioche sulla teglia ricoperta di carta forno e lasciate lievitare ancora le brioche, finché non raddoppieranno di volume. Nel mio caso, ho atteso altre 3 ore, ricoprendo la teglia con la pellicola
  9. A seconda lievitazione avvenuta, pre-riscaldate il forno in modalità statico a 180°
  10.  Quando il forno avrà raggiunto la temperatura di 180°, spennellate le brioche con il tuorlo e il latte diluiti, poi infornate per circa 20 minuti – o almeno fino a completa doratura.
  11. Quando saranno cotte, sfornate le brioche e lasciatele raffreddare
  12. Poiché il giorno dopo tenderanno ad asciugarsi, vi consiglio di conservarle in sacchetti per alimenti tipo “gelo” e chiuderle cosi da poter mantenere un po’ della fragranza.

Il profumo di arancia vi inebrierà e si spanderà per tutta la casa.

Chiudete gli occhi: una calda giornata di sole, vento caldo di scirocco, colazione in Sicilia, brioche col tuppo e granita, oppure gelato…

Per me, invece, semplicemente tagliata in due e farcita con generose dosi di Nutella!

Brioche col tuppo

Financiers

Preparatevi:oggi voliamo in Francia!

Chiudo gli occhi e .. sono già li!

Eh si, oggi parliamo di Financiers, ovvero dei dolcetti dalla forma simile a mini plumcake, ma molto più sottili composti da farina di mandorle e che possono essere decorati come più vi piace: io ho optato per fragole, lamponi e mandorle per un risultato meraviglioso.

Sono delicati e morbidi e si chiamano Financiers poiché ricorderebbero la forma stretta è allungata del “lingotto d’oro”. Se desiderate realizzarli con la loro forma classica, vi consiglio di procurarvi lo stampo adatto, io ho utilizzato uno di silicone, che, anche se non si dovrebbe, ho comunque imburrato e infarinato.

Vediamo come si preparano.

Ingredienti:

  • 100 g di zucchero a velo
  • 60 g di Farina 00
  • 40 g di Farina di mandorle
  • 120 g di albumi (circa 4 uova) a temperatura ambiente
  • 70 g di burro fuso e freddo
  • 3 g di lievito per dolci
  • 1 pizzico di sale
  • Semini di mezza bacca di vaniglia, oppure due cucchiaini di estratto di vaniglia in gel

Per la decorazione:

  • fragole
  • lamponi
  • mandorle a lamella
  • zucchero a velo
  • gelatina spray per frutta

Preparazione:

  1. Preriscaldate il forno a 200 gradi in modalità statico
  2. Imburrate ed infarinate uno stampo in silicone per Financiers
  3. In un pentolino, fate sciogliere lentamente il burro e lasciatelo raffreddare
  4. In una ciotola, setacciate farina 00, farina di mandorle, il lievito e lo zucchero a velo ,
  5. A parte, con le fruste elettriche o in una planetaria, montate a neve gli albumi
  6. Uniteli ora, un cucchiaio alla volta, alle polveri, amalgamando con una spatola con movimenti dal basso verso l’alto per incorporare aria
  7. Quando gli ingredienti saranno ben amalgamati, aggiungete il burro fuso e freddo,  il sale,  e la polpa di vaniglia.
  8. Versate l’impasto negli stampini: per questa operazione, potete utilizzare un cucchiaio, oppure, come ho fatto io, trasferire l’impasto In una Sac-a-poche e tagliarne l’estremità.
  9. Riempite completamente le cavità degli stampini
  10. Decorate i Financiers con fragole, lamponi o mandorle a lamelle
  11. Far cuocere i Financiers a 200 gradi per i primi 5 minuti; poi abbassare la temperatura a 180 gradi per circa 10-12 minuti.
  12. Controllate la cottura verificando con uno stecchino. Se asciutto, sono pronti
  13. Sformate i Financiers solo quando saranno freddo, altrimenti si romperanno

La morbidezza dei Financiers e’ indicata per gustarli con una tazza di the, sicuramente in buona compagnia.  Data la particolarità della sua forma che ricorda un lingotto d’oro, il Financier va cotto in piccoli stampi rettangolari, se non siete in possesso di quello adatto, andranno benissimo gli stampi per mini-plumcake anche quelli monouso.

Torta Caprese – ricetta di Sal de Riso

Alzi la mano chi ancora non conosce la Torta Caprese!

Per fortuna il nostro Bel Paese é ricco di tradizioni e in fatto di cucina, salata o dolce che sia, c’é sempre una ricettina che non vediamo l’ora di condividere  o sfoggiare nella migliore delle occasioni!

Per gli amanti del cioccolato e della frutta secca (in particolare mandorle e nocciole), la Torta Caprese é un piccolo dolce peccato e farà sicuramente contenti tutti i vostri ospiti.

Nata a Capri, e questo ci piace e suona così incredibilmente romantico, la Torta Caprese, come molti altri capisaldi della pasticceria internazionale, sembra essere nata per una dimenticanza del pasticcere che la creò, un certo Carmine Di Fiore, nel lontano 1920.

E contrariamente a quanto potessi immaginare, essendo lo sfondo di Capri così meravigliosamente magico (faraglioni, i colori, il mare azzurro, i giardini di Augusto), la storia di questa Torta ha davvero poco di romantico… sembra infatti che il pasticcere Di Fiore fu chiamato a preparare una torta per tre scagnozzi di Al Capone, arrivati a Capri per procurare una partita di ghette. Pare che nella fretta o per la tensione stessa di preparare la torta richiesta da questi tre malviventi, il buon Di Fiore si dimenticò di aggiungere all’impasto della torta di mandorle e cioccolato, proprio la farina!

Questa dimenticanza, tuttavia, rese questa torta memorabile e piacque così tanto che tutti vollero la ricetta, diventando cosi nel tempo un dolce tipico della zona di Capri, dalla quale si diffuse velocemente lungo la Costa d’Amalfi e la Penisola Sorrentina.

Data la bontà di questa torta, non poteva essere altrimenti..

Prepariamola insieme.

Ingredienti:

  • 170 g di zucchero a velo (dividetelo in due parti uguali, da 85 g l’una)
  • 170 g di burro morbido (temperatura ambiente)
  • semi di mezza bacca di vaniglia
  • 170 g di cioccolato fondente grattuggiato
  • 148 g di albumi (in media, un albume pesa circa 30 g, quindi 5 uova) a temperatura ambiente
  • 85 g di nocciole tostate in polvere
  • 85 g di mandorle tostate in polvere
  • 1 pizzico di sale
  • 14 g di cacao amaro in polvere
  • 25 g di fecola di patate
  • 4 g di lievito per dolci
  • 85 g di tuorli (in media, un tuorlo pesa circa 15 g) a temperatura ambiente

Procedimento:

  1. In una ciotola, montate il burro con metà dello zucchero, quindi 85 g di zucchero a velo e aggiungetevi i semi della bacca di vaniglia. Io ho utilizzato l’estratto di vaniglia in gel che trovate nei tubetti al supermercato di Paneangeli, e ne ho utilizzati tre cucchiaini pieni.
  2. In forno, fate tostare le mandorle e le nocciole e poi polverizzatele utilizzando il mixer. Per velocizzare questo passaggio, io ho tuttavia utilizzato mandorle e nocciole già grattugiate che vendono in buste da 400 grammi.
  3. Montate bene il composto e aggiungetevi un pizzico di sale
  4. Aggiungete ora i tuorli d’uovo, uno alla volta, gradualmente, fino a che non saranno assorbiti. Consiglio realmente di pesare sia i tuorli che gli albumi cosi da avere esattamente la dose prevista dalla ricetta di Sal
  5. Preriscaldate il forno a 160 gradi in modalità ventilato.  Non vi nascondo di aver preferito la modalità “statico” per abitudine di cottura con questo tipo di impasti e di torte. Sappiate però che le indicazioni di Sal prevedono il forno “ventilato”.
  6. Prendete il cioccolato fondente e grattugiatelo tutto. Io l’ho tritato finemente utilizzando il mixer.
  7. In una ciotola, a parte, miscelate bene le polveri setacciandole: cioccolato fondente grattugiato, le mandorle tostate e polverizzate, le nocciole tostate e polverizzate, la fecola di patate, il cacao in polvere, il lievito per dolci e tenete da parte
  8. In una ciotola grande, pesate gli albumi e iniziate a montarli con le fruste, aggiungendovi gradualmente i rimanenti 85 grammi di zucchero a velo. Gli albumi dovranno essere montati a neve, ma non dovranno essere “fermi”, cioé non dovranno essere montati troppo, ma, come si dice in gergo “a becco d’uccello“, vale a dire che il composto, dalla frusta, dovrà formare una specie di becco, appunto.
  9. Avete quindi ora, dinanzi a voi, 3 ciotole: una con il composto di tuorli d’uovo e zucchero, una con le polveri, una con gli albumi montati
  10. Procedete ora ad aggiungete al composto dei tuorli, burro e zucchero, 1/3 del composto fatto di albumi e 1/3 delle polveri setacciate, e procedete ad amalgamare bene; procedete ad aggiungere ancora 1/3 di albumi e 1/3 di polveri, amalgamando dal basso verso l’alto, e ancora un’ultima volta con l’ultimo terzo di composto.
  11. Imburrate una tortiera e infarinatela utilizzando la fecola di patate. Io ho utilizzato un anello apribile che non ha il fondo, ed ho allargato l’anello fino ad avere un diametro di 23 cm, poi ho foderato con carta forno la teglia del forno.
  12. Versate il composto ottenuto nella tortiera e livellate bene.
  13. Lasciate cuocere per circa 45-50 minuti.
  14. A cottura ultimata, sfornate la Torta Caprese e lasciatela raffreddare
  15. Una volta fredda, sformatela dalla vostra tortiera
  16. Decoratela a piacere con abbondante zucchero a velo, utilizzando uno stencil o delle formine o un centrino. Io mi sono ricordata di avere un bellissimo sottopentola in acciaio dalla sagoma geometrica e così ho deciso di utilizzarlo come fosse uno stencil.

La particolarità della ricetta di Sal De Riso, rispetto alla ricetta tradizionale, é che il cioccolato non viene fuso a bagnomaria, come abbiamo fatto in passato in questa ricetta, bensì solo grattuggiato. Inoltre, usualmente la ricetta prevede solo mandorle, mentre in questo caso la torta ha sia mandorle che nocciole.

E’ una torta che già normalmente piace moltissimo, soprattutto agli amanti del cioccolato e soprattutto é senza glutine, per tutti coloro che ne sono intolleranti. Se poi, come in questo caso, la ricetta é di un grande Maestro Pasticcere che tutti adoriamo, quale é Sal de Riso, beh, che dire di più, se non che é superlativa?

Una torta indimenticabile.

E voi, l’avete già provata?

Pan Goccioli con lievito madre

Ogni volta che penso ad una merenda golosa, non so perché, penso ai Pan Goccioli.

Conosciuti comunemente come Pangoccioli o Pan goccioli, il loro nome corretto é – in realtà – Pan Goccioli.

Tempo fa abbiamo provato la ricetta con il lievito di birra per scoprire dei Pan Goccioli golosi e soffici, la ricetta la trovi qui.

Questa volta i miei Pan Goccioli non avevano particolarmente fretta, la loro lievitazione e’ stata naturale, lenta, graduale, una notte a riposo, diciamo.

 

Ho infatti utilizzato per questa preparazione il Lievito Madre.

Il mio Lievito Madre ha un nome. Si chiama Priscilla.  E per questo dono, così prezioso, devo ringraziare Claudia, mamma e amica che ho conosciuto grazie alla scuola materna.  La vita per fortuna  è fatta anche di incontri che ci consentono di scoprire spesso nuove persone e, se fortunati, scoprire persone speciali.  Recentemente, grazie ad una merenda con i nostri bimbi, ho scoperto la passione di Claudia per i lievitati ed in particolare per il lievito madre, il suo si chiama Priscilla appunto, a sua volta regalatole da un’amica.

Priscilla ha ben dieci anni e devo dire che questa età e’ un po’ una responsabilità 😂 far si che Priscilla continui a vivere anche a casa mia e’ diventata una bella sfida.

Ho accettato la proposta di Claudia di prendere un po’ di Priscilla e tenerla da me in frigorifero e “coccolare” così il mio lievito madre, con rinfreschi che hanno cadenza settimanale.

Ed ora, veniamo alla preparazione dei Pan Goccioli. Per la ricetta originale che ho rielaborato dopo averli preparati con il mio lievito madre, ringrazio il blog di Eva e Claudio, Fables de Sucre.

Ingredienti:

per circa 18-20 Pan goccioli

  • 150 g di Lievito madre, rinfrescato il giorno prima
  • 250 g di Farina 0
  • 250 g di Farina 00
  • 70 g di zucchero
  • 80 g di burro morbido
  • 1 uovo intero
  • 260 ml di latte intero tiepido
  • 200 g di Gocce di Cioccolato
  • 1 presa di sale

Preparazione:

Tempi di lievitazione:

Lievito madre rinfrescato almeno 24 ore prima

Prima lievitazione una notte

Seconda  lievitazione 3 ore

  1. Prendete il lievito madre rinfrescato il giorno prima e lasciatelo a temperatura ambiente almeno una mezz’ora prima di iniziare
  2. In un pentolino, o nel microonde, intiepidite il latte
  3. In una ciotola, stemperate il lievito madre nel latte tiepido, fino a scioglierlo completamente
  4. In una planetaria, versatevi l’uovo e sbattetelo leggermente con le fruste elettriche
  5. Togliete dalla planetaria le fruste ed utilizzate il gancio per gli impasti lievitati
  6. Aggiungete ora  il latte in cui e’ stato sciolto il lievito madre, aggiungete lo zucchero e circa due terzi della farina, e impastate, aggiungendo la farina gradualmente affinché venga assorbita
  7. Quando avrete terminato i due terzi, Aggiungete all’impasto il burro tagliato a tocchetti e il resto della farina poco per volta, affinché venga assorbita completamente
  8. Quando l’impasto sara’ quasi pronto e “incordato”, vale a dire che si staccherà dalle pareti della ciotola per rimanere avviluppato al gancio, aggiungete la presa di sale e le gocce di cioccolato e lasciatela amalgamare all’impasto per qualche secondo. Se desiderate potete amalgamare le gocce di cioccolato anche a mano, versandole sull’impasto e impastando il tutto, piegando su se stesso il panetto, facendo attenzione a non surriscaldare le gocce, altrimenti si scioglieranno
  9. Ponete il panetto così creato in una ciotola abbastanza capiente e copritela con una pellicola e lasciate riposare per tutta la notte nel forno spento
  10. Il panetto dovrà raddoppiare di volume. Quando ciò sarà avvenuto, rivestite la teglia forno con la carta forno e prendete dal panetto pezzetti di impasto del peso di circa 70 g l’uno. Vi consiglio di tenere la bilancia da cucina a portata di mano, in questo modo tutti i Pan goccioli avranno la stessa grandezza.
  11. Coprite i Pan goccioli con un canovaccio e lasciateli lievitare per almeno altre 3 ore.
  12. Quando il tempo sarà trascorso, preriscaldate il forno in modalità statico a 180 gradi e quando avrà raggiunto la temperatura cuocete i Pan goccioli per circa 15 minuti.
  13. Se lo desiderate, prima di infornarli, potrete spennellare i Pan goccioli con tuorlo d’uovo ed un goccio di latte, questo passaggio li renderà più lucidi.

I Pan goccioli avranno una consistenza morbida come panini al latte ed un gusto neutro, non molto dolce, ma le gocce di cioccolato regaleranno la giusta dose di zucchero.

Successo assicurato per una merenda che piacerà a tutta la famiglia. 👍🏻

Ciambella soffice al cioccolato

Ogni volta che organizziamo una merenda a casa con i compagni di classe di Liam, mi arrovello sempre su quale dolce preparare, perché ormai si sa che ho sempre una torta per l’occasione pronta da gustare.

Quando ci sono questi pomeriggi di gioco tra bambini, la necessità é sempre quella di preparare qualcosa di semplice e genuino, gustoso al punto giusto, che accontenti sia bimbi che mamme…

Questa volta la mia scelta é caduta su una sofficissima ciambella al cioccolato! Morbida morbida, se siete amanti del cioccolato come me, questa torta vi piacerà.

E’ semplicissima da realizzare e sono sicura che avrete tutti gli ingredienti già a portata di mano.

Ingredienti:

  • 3 uova
  • 150 g di burro a temperatura ambiente
  • 350 g di farina 00
  • 50 g di cacao amaro in polvere
  • 200 g di zucchero
  • 1 bustina di vanillina
  • 220 g di latte
  • 1 pizzico di sale fino
  • 1 bustina di lievito per dolci

Preparazione:

  1. Preriscaldate il forno in modalità statico a 160 gradi
  2. Imburrate ed infarinate uno stampo per ciambellone di circa 26-28 cm
  3. Nel mixer riducete lo zucchero semolato in zucchero a velo. Se avete il bimby, inseritelo nel boccate, utilizzate la velocità 8 per 10 secondi
  4. In una ciotola montate il burro con lo zucchero, aggiungete le uova, la vanillina e a filo il latte, gradualmente, fino ad ottenere un composto spumoso e soffice. Con il Bimby, aggiungete gli ingredienti elencati ed utilizzate la velocità 5 per 40 secondi
  5. A parte setacciate la farina con il cacao, e aggiungeteli, gradualmente al composto, continuando a lavorare con le fruste elettriche e infine aggiungete un pizzico di sale. Con il Bimby: aggiungete gli ingredienti e impastate per 40 secondi a velocità 5
  6. Aggiungete il lievito per dolci e amalgamate all’impasto. Con il Bimby: aggiungete il lievito ed impostate 15 secondi a veolocità 6
  7. Versate l’impasto nello stampo imburrato e infarinato ed infornate per circa 50 minuti.
  8. Verificate l’effettiva cottura della ciambella con uno stuzzicadenti che dovrà fuoriuscire asciutto. Altrimenti prolungate ancora la cottura. Con il mio forno, ad esempio, ho dovuto attendere circa 60 minuti perché il dolce fosse cotto

Provatela, ci sono giorni in cui una bella fetta di torta al cioccolato ci rimette in pace col mondo… e i bambini l’adorano..

Migliaccio con gocce di cioccolato – senza ricotta

Sarà il tempo che passa, ma ogni anno, sempre di più, riscopro il valore delle tradizioni, dei dolci della tradizione, ricette tramandate negli anni di madre in figlia, gesti e rituali che si ripetono nonostante il trascorrere inesorabile del tempo. Forse un modo per far rivivere ricordi o momenti di un passato che non possono tornare. Il collegamento tra passato e futuro, il modo che abbiamo di ricordare, probabilmente, i rituali delle nostre nonne e far sì che i nostri valori non si disperdano, non vengano dimenticati.

Ho sentito parlare moltissimo di un dolce campano di Carnevale, un dolce tradizionale napoletano, e nelle ultime settimane il web si é ulteriormente arricchito di innumerevoli versioni di questo dolce che non potevo non provare.

Non lo conoscevo, nella mia famiglia non era consuetudine prepararlo, ma ho deciso finalmente di provarlo, in una golosa “prima” variante.

Per chi non lo conoscesse ancora, il Migliaccio é un dolce che crea dipendenza, di una bontà incredibile!

Oggi vi presento questa variante che non ha la ricotta (ma non temete, arriverà presto anche la ricetta tradizionale!), in compenso ha le gocce di cioccolato.

Ecco come si prepara:

Ingredienti:

  • 375 g di Latte
  • 125 g di acqua
  • 3 uova
  • 100 g di burro
  • 150 g di Farina di semola di grano duro
  • scorza grattugiata di due limoni
  • 2 bustine di vanillina (oppure i semi di un baccello di vaniglia)
  • 250 g di zucchero
  • gocce di cioccolato

Preparazione:

  1. Mettete in un pentolino l’acqua, il latte, la vanillina, il burro a pezzetti e lo zucchero e mescoliamo facendo scaldare e sciogliere il burro arrivando quasi a bollitura (100 gradi) . Se avete il Bimby inserite questi ingredienti nel boccale, e cuocete a 100 gradi per 8 minuti a velocità 2
  2. A bollore, aggiungiamo a pioggia la semola e continuiamo a mescolare; con il Bimby: velocità 4 e con le lame in movimento inserite dal foro del coperchio la semola a pioggia e impostate 3 minuti (velocità 4) 
  3. Preriscaldate il forno in modalità statici a 180 gradi
  4. Amalgamata la semola con il cucchiaio di legno, lasciate raffreddare il composto nella pentola e una volta freddo, aggiungete la buccia grattugiata dei limoni e le uova, uno alla volta, aspettando che ogni uovo venga assorbito. Se avete il Bimby: lasciate raffreddare il composto nel boccale, una volta freddo aggiungete la buccia grattugiata dei limoni e le uova uno alla volta impostando 2 minuti a velocità 5
  5. Imburrate ed infarinate uno stampo da 24 cm
  6. Versate il composto nello stampo e versatevi sopra le gocce di cioccolato
  7. Infornate per circa 50 minuti
  8. Veroficate la cottura e sfornate
  9. Lasciatw raffreddare prima di sformare su di un piatto il Migliaccio e se vi va spolverizzate di zucchero a velo

Personalmente adoro il Migliaccio Anche freddo, basta lasciarlo riposare in frigorifero. 

E voi, lo conoscete? 

 

Gateau Invisible rustica di Mele

C’é una torta di mele che é diversa dalle solite che amiamo preparare.

La ricetta dei nostri cugini d’oltralpe incanta perché rende una semplicissima, e amatissima, torta di mele, un prezioso scrigno fatto di fettine sottilissime di mele sovrapposte.

La consistenza é morbida, quasi a ricordare un Clafoutis o una Gateau Magique, ma al gusto le mele sottilissime vi ricorderanno il piacere di gustare una torta di mele “invisibile”.

Sul web ci sono diverse varianti, questa ricetta invece, in particolare, l’ho scoperta sfogliando un periodico che tratta svariate ricette, dal dolce al salato, l’ho rivista e riadattata secondo il mio gusto.

Proviamola insieme.

Ingredienti:

  • 3 uova
  • 1 kg di mele
  • 90 g di miele
  • 80 g di farina 00
  • 70 g di farina di mandorle
  • 150 ml di latte
  • 30 ml di olio di semi
  • 1 cucchiaino di cannella
  • zucchero di canna
  • 1 pizzico di sale

Preparazione:

  1. Preriscaldate il forno in modalità statico a 180°C
  2. Scegliete uno stampo per torte, possibilmente a cerniera, del diametro di 22 cm, imburratelo ed infarinatelo, oppure, in alternativa, utilizzate la carta forno, bagnatela e poi strizzatela e rivestite lo stampo
  3. In una ciotola, con le fruste elettriche lavorate le uova con l’olio, il miele ed un pizzico di sale
  4. A parte setacciate la farina 00 con la farina di mandorle e la cannella
  5. Incorporate gradualmente le farine setacciate al composto di uova e mescolate fino ad ottenere un composto omogeneo
  6. Unite ora il latte, versandolo a filo e continuate a lavorare il composto fino ad esaurire la quantità di latte
  7. A parte, sbucciate le mele, eliminate il torsolo, tagliatele a metà e con una mandolina oppure un pelapatate tagliate delle fettine sottilissime di circa 1 mm di spessore, immergetele man mano che le tagliate nell’impasto cosi da evitare che anneriscano
  8. Versate ora l’impasto ottenuto nella teglia, scuotendolo in senso orizzontale per livellarlo
  9. Spolverizzatelo con un cucchiaio di zucchero di canna
  10. Cuocete in forno già preriscaldato a 180° per 60 minuti circa
  11. Sfornate il dolce e lasciatelo raffreddare completamente
  12. Sformatelo e servitelo

C’e sempre una buona occasione per preparare una torta di mele!

Ciambellone con cuore morbido di Nutella

C’é forse bisogno di dire altro? 😂

Probabilmente no.

Questa ciambella mi ha incuriosito perché inizialmente ero convinta si trattasse di un ripieno di Nutella inserito nel dolce una volta cotto, quindi tagliando a metà il dolce e farcendolo; ma non é cosi, e la Nutella viene inserita direttamente nell’impasto, il quale viene cotto in due momenti.

Ecco come si prepara questa golosissima ciambella, che ho preparato più volte, sia in occasione di qualche cena che in occasione di merende trascorse a casa con gli amichetti di Liam.

Ingredienti:

  • 250 g di zucchero
  • 4 uova a temperatura ambiente
  • 150 g di olio di semi di mais
  • 125 g di latte
  • 350 g di farina 00
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 1 bustina di vanillina oppure un cucchiaino di estratto di vaniglia
  • Nutella 1 vasetto medio o grande

Preparazione:

  1. Preriscaldate il forno a 180° in modalità statico
  2. Scegliete uno stampo per ciambellone con un diametro di almeno 26 cm
  3. Irroratelo di olio e spennellatelo, poi infarinatelo; in alternativa potrete prima imburrarlo e poi infarinarlo
  4. Con le fruste elettriche, lavorate le uova e lo zucchero fino a far diventare il composto spumoso
  5. Aggiungete gradualmente il latte e continuate a lavorare il composto
  6. Aggiungete ora l’olio di semi, sempre gradualmente, finché non sarà tutto assorbito
  7. In una ciotola, setacciate farina, vanillina e la bustina di lievito, poi versate nel composto gradualmente, fino a completo assorbimento
  8. Se utilizzate il Bimby, invece, il procedimento funzionerà in questo modo: inserite prima uova e zucchero nel boccale e lavorate per 2 minuti a velocità 4; Aggiungete poi tutti gli altri ingredienti e lavorate 2 minuti a velocità 4.
  9. Ora che il composto é pronto, versatene metà nello stampo a ciambella che avete scelto e infornate per 15 minuti.
  10. Trascorsi i quindici minuti, togliete lo stampo dal forno, appoggiatelo su un piano stabile, versate sulla ciambella cucchiaiate di Nutella, cercando di farcire tutta la striscia centrale del ciambellone; di solito, scaldo preventivamente la Nutella nel microonde per una decina di secondi cosicchè possa essere più morbido da trasferire sulla ciambella
  11. Una volta farcita di Nutella, la ciambella dovrà essere ricoperta con il restante impasto, cercando di rendere uniforme il volume della ciambella stessa
  12. Infornare di nuovo per circa altri 30 minuti e per controllare la cottura fate la prova dello stecchino.
  13. Sfornate e lasciate raffreddare la ciambella nel suo stampo; solo quando sarà fredda procedete a sformarla dallo stampo

Inutile dire della bontà di questo ciambellone, colazione o merenda che sia, il ciambellone con cuore morbido alla Nutella piacerà proprio a tutti.

Brownies al cioccolato

Oggi vi parlo dei Brownies, fatti a modo mio. 

Preparati nei giorni antecedenti il Natale, questi Brownies rievocano proprio questo periodo dell’anno, profumano di buono, mentre sciolgo il cioccolato fondente, penso che in fondo si, i brownies sono una bella e dolce scoperta, grazie un po’ alle tradizioni che a volte facciamo nostre senza neanche rendercene conto, “importando” dal mondo anglosassone questo “dolce” modo di concederci una pausa deliziosa, fatta di cioccolato e frutta secca, in genere noci (tanto amate, e soprattutto a Natale”).

I miei brownies durante le feste natalizie diventano improvvisamente piccole e grandi stelle. Perché in questo periodo, quasi alle soglie della fine di un anno, non si puo’ non pensare a quello che abbiamo vissuto in questi 365 giorni.

Stelle.

Abbiamo un modo migliore per rappresentare questo periodo? 

Forse si, esiste, ed ognuno di voi avrà sicuramente il proprio. 

Questo blog delle stelle ne ha fatto un nome, partendo da una canzone che mi accompagna da una vita, “L’isola che non c’ è” di Edoardo Bennato e quel “seconda stella a destra, questo è il cammino, e poi dritto fino al mattino…” che ho cantato per la prima volta a nove anni, e da allora non ho più dimenticato, arrivando a ciò che le stelle possono rievocare ogni volta che le volgiamo lo sguardo all’insù. 

Ecco i brownies a modo mio.

Ingredienti:

  • 100 g di Cioccolato fondente
  • 100 g di mandorle tritate (o farina di mandorle)
  • 50 g di farina 00 autolievitante (Miscela di farina che contiene già il lievito)
  • 50 g di farina normale
  • 2 cucchiai di cacao
  • 275 g di zucchero
  • 125 g di burro morbido
  • 2 Uova a temperatura ambiente
  • mezzo cucchiaino di estratto di vaniglia (oppure semini di mezza bacca di vaniglia)

1 Teglia quadrata da 20 cm di lato, profonda

1 terrina resistente al calore da appoggiare sopra al pentolino

Preparazione

  1. Preriscaldate il forno a 180° C in modalità statico
  2. Preparate la teglia da 20 cm di lato, imburratela ed infarinatela
  3. In una terrina resistente al calore, mettetevi il cioccolato spezzettato
  4. Riempite un pentolino d’acqua per circa un quarto, mettetelo sul fornello piccolo, sopra adagiatevi la terrina, la quale non dovrà toccare l’acqua, e lasciate sciogliere il cioccolato lentamente, utilizzate un cucchiaio di legno per mescolare di tanto in tanto il cioccolato finché non sarà completamente sciolto; con un paio di presine o guanti da forno estraete la terrina dal pentolino
  5. Prendete una ciotola e sbattetevi le uova con un frullino elettrico
  6. A parte, nella planetaria oppure in un’altra ciotola, sbattete il burro, lo zucchero e la vaniglia fino ad ottenere un composto cremoso
  7. Aggiungetevi, gradualmente, le uova sbattute, un po’ alla volta e amalgamate bene
  8. Prendete un setaccio, e direttamente nella ciotola setacciatevi i due tipi di farina con il cacao.
  9. Aggiungete il cioccolato fuso e mescolate bene
  10. Aggiungete le mandorle tritate (o la farina di mandorle) e amalgamate con un cucchiaio di legno
  11. Distribuite l’impasto nella teglia e livellate la superficie con il dorso del cucchiaio
  12. Infornate a 180° per 35 minuti. Il dolce dovrà lievitare un pochino e dovrà formarsi una crosticina in superficie
  13. Una volta cotto, togliere dal forno e lasciare raffreddare nella teglia per circa venti minuti
  14. Tagliate il dolce facendo 3 tagli in verticali e 3 in orizzontale
  15. In alternativa, potrete usare delle formine tagliabiscotto

Potrete spolverizzare i Brownies con zucchero a velo, decorandoli con degli stencil.

E voi come li preparate i vostri Brownies?

Plumcake yogurt e mirtilli

Ci sono momenti fatti di cose semplici.

Di questi momenti, ne conservo i profumi e le sensazioni.

Non sono momenti fatti di cose, di oggetti, ma di sensazioni positive, che ti fanno stare bene, di profumi che ti regalano l’essenza del vivere quotidiano.

A volte anche il food può regalare questi momenti, nei gesti per preparare un dolce, nei momenti spesi nel tepore di una casa che ti avvolge e ti abbraccia, in una sensazione di grande benessere e calma, e tranquillità, mentre fuori da quella porta tutto corre, tutto scorre, inesorabile e inarrestabile.

Chiudete la porta, prepariamo un plumcake fatto con ingredienti semplici.

Yogurt e mirtilli.

Ingredienti:

  • 250 g di yogurt intero bianco (o ai mirtilli)
  • 200  g di farina 00
  • 50 g di amido di mais
  • 100 g di zucchero
  • 80 g di olio di semi di mais
  • 2 uova intere
  • 2 tuorli d’uovo
  • 125 g di mirtilli
  • bacca di vaniglia
  • 1 cucchiaino di lievito per dolci
  • 1 pizzico di sale

Preparazione:

  1. Imburrate ed infarinate uno stampo da plumcake di almeno 25 cm
  2. Preriscaldate il forno a 160° in modalità statico
  3. In una ciotola, oppure nella planetaria, montate, con un frullino elettrico, le uova e lo zucchero fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso (ci vorranno almeno un paio di minuti)
  4. Aggiungere i tuorli, uno alla volta e continuando a montare il composto, aggiungete lo yogurt, i semi della bacca di vaniglia, e il pizzico di sale
  5. Setacciate la farina, l’amido e il lievito in una ciotola
  6. Aggiungete gradualmente al composto di uova, le farine setacciate, mescolando ora con una spatola e amalgamate bene il composto
  7. Aggiungete, a filo, l’olio, ottenendo così un impasto omogeneo e liscio
  8. Incorporate ora i mirtilli nel composto
  9. Versate tutto il composto nello stampo da plumcake imburrato ed infarinato, riempendolo a tre quarti.
  10. Infornate a 160° per circa 50 minuti
  11. Verificate la cottura con uno stecchino, se fuoriesce asciutto il plumcake é cotto
  12. Sfornate e lasciate raffreddare nello stampo
  13. Sformate il plumcake e se lo desiderate, spolverate con zucchero a velo

Un dolce dal gusto semplice, senza burro, morbido come un abbraccio, fresco come una mattina di primavera.

Crostata al cioccolato e caramello salato

Chi ama, come me, il cioccolato alzi la mano!

Come si fa a resistere al cioccolato in tutte le sue declinazioni.. ? Forse e’ impossibile e allora oggi vi propongo un dolce che colpisce per l’abbinamento dolce e salato.

Insomma un vero peccato di gola per chi come me in questo autunno così uggioso cerca una ricetta cioccolatosa e al contempo non così banale.. preparare il caramello poi e’ qualcosa di semplice e al contempo appagante perché quel profumo ti avvolge e ti invita a provarlo.

La crostata al cioccolato e caramello salato e’ piuttosto facile da preparare.

Ecco cosa serve:

Ingredienti:

per la Crostata al cacao:

  • 200 g Farina 0
  • 25 g cacao amaro
  • 1 uovo a temperatura ambiente
  • 125 g zucchero
  • 125 g burro a temperatura ambiente
  • 1 stecca di vaniglia (semini)
  • 1 pizzico di sale

Per il caramello salato:

  • 90 g burro morbido
  • 1 cucchiaino raso di sale di Maldon (oppure, in alternativa, fior di sale)
  • 100 g di zucchero
  • 120 g di panna fresca

Per la ganache al cioccolato:

  • 180 g cioccolato fondente 70%
  • 160 g panna fresca

Preparazione:

Frolla al cioccolato

  1. In una ciotola lavorate  il burro con lo zucchero, aggiungete i semini della bacca di vaniglia e l’uovo e lavorate il composto; aggiungete la farina, cacao e lievito setacciati e aggiungete un pizzico di sale, lavorate il composto fino ad ottenere un panetto che dovrete avvolgere in una pellicola e conservare in frigorifero per almeno 30 minuti.
  2. Se avete il Bimby, inserite tutti gli ingredienti nel boccale e lavorate per 30 secondi, velocità 5
  3. Preparate uno stampo da crostata del diametro di 20 cm, imburratelo ed infarinatelo
  4. Ritirate il panetto e stendete, tra due fogli di carta forno,  un disco di frolla; rivestite lo stampo con la frolla, bucherellate il fondo, coprite la frolla con un foglio di carta forno ricoperto con fagioli secchi (o con gli appositi pesi)
  5. Cuocete il disco di frolla al cioccolato in forno già preriscaldato a 180 gradi per circa 20 minuti, poi ritirate il disco, togliete il foglio di carta forno e fate proseguire la cottura per altri 7-8 minuti
  6. Una volta cotto (controllate facendo la prova stecchino), sfornate e lasciate raffreddare il disco di frolla

Caramello salato

  1. Prendete i 90 g di burro, tagliatelo a pezzetti e spolverizzatelo con il sale di Maldon. Tenetelo da parte
  2.  In un pentolino, scaldate la panna. Se utilizzate il Bimby, scaldatela nel boccale per 10 minuti a 95°, velocità 1
  3. In un padellino, riscaldate lo zucchero su fiamma media; appena diventerà ambrato, unitevi la panna caldo e mescolate continuamente con la frusta per circa 3-4 minuti;
  4. Togliere il composto dal fuoco
  5. Unire il burro salato, mescolando con la frusta fino a quando sarà omogeneo
  6. Lasciate raffreddare completamente
  7. Riempite il guscio di frolla col caramello salato e uniformate con una spatola
  8. Riponete il guscio di frolla pieno di caramello in freezer per almeno 30 minuti

Ganache al cioccolato

  1. Tagliate finemente il cioccolato fondente; in un pentolino scaldate la panna, raggiungendo  quasi il bollore, poi versate la panna sul cioccolato fondente e amalgamate completamente, mescolando con un cucchiaio di legno. (Bimby: inserite cioccolato fondente e panna nel boccale e scaldate a 100° per 3 minuti, modalità antiorario, velocità 1; poi emulsionate per 30 secondi a velocità 3)
  2. Versate la ganache al cioccolato fondente sul caramello salato e con una spatola livellate la ganache affinché sia uniforme
  3. Spolverizzate la superficie con granella di nocciole
  4. Lasciate riposare in frigorifero la Crostata al cioccolato e caramello salato in frigorifero per circa 30 minuti

Con un dolce cosi, anche la serata più fredda vi scalderà il cuore.

 

Chiffon Cake profumata al limone

L’amore per la Chiffon Cake inizia dalla particolarità dello stampo a ciambella che serve per poterla realizzare.

In alluminio anodizzato, con un fondo amovibile, questo stampo utile anche per Angel Cake e’ stato tra i miei acquisti preferiti sul sito di Amazon.

La Chiffon Cake e’ una ciambella americana, molto molto alta, dalla consistenza morbida e spugnosa  e che in Italia, grazie alle innumerevoli varianti che spopolano sul web, e grazie a Monica Zacchia e Valentina Cappiello ha inevitabilmente cambiato nome in Fluffosa, nome italianizzato che deriva da “fluffy”, per via sempre della morbidezza della sua consistenza.

Per realizzare questa ciambella, ho preso spunto da questa ricetta per Chiffon Cake.

Ecco come realizzarla:

Ingredienti:

  • 6 uova xl
  • 200 g zucchero
  • 100 g di zucchero a velo
  • 285 g di farina 00
  • 195 ml di acqua
  • 120 g olio di semi mais
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 1  bustina da 8 g di cremor tartaro
  • 1 pizzico di sale
  • limone, la scorza grattugiata
  • semi di bacca di vaniglia

Stampo per Chiffon Cake da 25 cm

Preparazione:

  1. Prendete due ciotole e separate i tuorli dagli albumi
  2. Montate gli albumi, quasi a neve, con il cremo tartaro; gli albumi dovranno essere montati ma ancora morbidi
  3. Nella planetaria mettete la farina, lo zucchero semolato e lo zucchero a velo, i tuorli d’uovo, uno alla volta ed iniziate ad amalgamare, aggiungete l’acqua, l’olio, la buccia di limone, in ultimo aggiungete il lievito e  lavorate il composto mescolando bene fino a che non diventerà omogeneo
  4. Preriscaldate il forno a 160° in modalità statico.
  5. Prendiamo gli albumi montati utilizzando un cucchiaio alla volta di albumi, cercando di incorporarlo nel composto ottenuto al punto 3, fino ad esaurimento degli albumi
  6. Versate il composto nello stampo a ciambella per la Chiffon Cake. Questo stampo non necessita di essere imburrato e infarinato
  7. Cuocete in forno, per i primi 10 minuti a 160° , poi alzate la temperatura a 170° e cuocete per altri 40 -45 minuti circa. Controllate la cottura facendo la prova stecchino
  8. Sfornate il dolce, prendete un piatto che possa contenere la ciambella, capovolgete lo stampo subito “a testa in giù”, appoggiandolo sui piedini e lasciate cosi il dolce finché non sarà completamente freddo
  9. Per sformare il dolce, passate la lama di un coltello lungo i bordi dello stampo e sformate sul piatto

Un dolce così non è solo ottimo per una colazione o la classica merenda, la sua consistenza stupirà tutti anche dopo una cena tra amici.

Se vi va, provatela e condividete con i vostri amici 👍🏻📲

Sbriciolata alla Nutella

Se cercate una torta super veloce, eccola qua!

La sbriciolata e’ un “crumble”, che ci consente di avere un dolce simile ad una crostata con la differenza di avere queste briciole di pasta frolla che rendono il dolce con un aspetto molto più “ casalingo”, impreciso e per questo così semplice.

Potete farcire la sbriciolata con le confetture che più vi piacciono, diciamo tuttavia che la farcitura più golosa e’ quella al cioccolato, meglio ancora alla Nutella.

Ecco come si prepara, dosi e ricette per uno stampo da 24 cm o, se preferite, anche più piccolo (ad esempio 20 cm) così da poter utilizzare la pasta avanzata per preparare delle golosissime Sbriciolate Mignon.

Ingredienti:

  • 300 g di farina 00
  • 110 g di zucchero semolato
  • 90 g di burro
  • 1 uovo
  • mezza bustina di lievito per dolci

Per la farcitura: Nutella q.b.

Preparazione:

  1. Mettere la farina a fontana su un piano di lavoro, al centro mettere l’uovo intero, lo zucchero e i tocchetti di burro e lavorare velocemente il composto  finché non diventa granuloso.  Se avete il Bimby, inserite tutti gli ingredienti insieme e mescolate per 1 minuto a velocità 4.
  2. Imburrate ed infarinate una tortiera per crostate (possibilmente col fondo amovibile) da 24 cm di diametro
  3. Pre-riscaldate il forno a 180 gradi in modalità ventilato
  4. Versate tre quarti circa dell’impasto nello stampo  e compattate bene il fondo cosicché non vi siano buchi
  5. Scaldate la Nutella al microonde per circa 1 minuto, o almeno fino a quando non risulterà sufficientemente liquida da poterla spalmare agilmente con una spatola
  6. Versate la Nutella sulla base della sbriciolata e spalmatela delicatamente affinché ricopra tutta la base; non fate troppa pressione altrimenti si sposterà o alzerà anche la frolla
  7. Ricoprite la Nutella con il composto rimasto, sbriciolandolo sopra, senza compattare
  8. Infornate (180°) e cuocete per circa 30 minuti, dovrà dorarsi bene in superficie
  9. Una volta cotta, togliete lo stampo dal forno e lasciate raffreddare la sbriciolata nello stampo
  10. Potete anche gustarla tiepida e spolverizzarla di zucchero a velo

Vi assicuro che non avanzerà neanche una briciola! 😂

Se la ricetta vi e’ piaciuta e se vi va, lasciate un commento e condividete con i vostri amici! 👍🏻📲

Vi aspetto!

Sbriciolate mignon ai frutti di bosco

Tempo fa ho deciso di provare a preparare una “sbriciolata” alla Nutella, e poiché avevo usato uno stampo piccolo da 20 cm, mi era avanzato molto impasto così ho deciso di preparare delle sfiziosissime sbriciolate “mignon”, con un ripieno di confettura ai frutti di bosco, ma potrete decidere voi stessi quale farcitura utilizzare, a seconda devi vostri gusti.

Ecco come le ho preparate:

Ingredienti:

  • 300 g di farina 00
  • 110 g di zucchero semolato
  • 90 g di burro
  • 1 uovo
  • mezza bustina di lievito per dolci

Per la farcitura: Confettura ai frutti di bosco quanto basta

Preparazione:

  1. Mettere la farina a fontana su un piano di lavoro, al centro mettere l’uovo intero, lo zucchero e i tocchetti di burro e lavorare velocemente il composto  finché non diventa granuloso.  Se avete il Bimby, inserite tutti gli ingredienti insieme e mescolate per 1 minuto a velocità 4.
  2. Imburrate ed infarinate gli stampini per tartellette per crostate
  3. Pre-riscaldate il forno a 180 gradi in modalità statico
  4. Mettete prima sulla base dello stampino un po’ di impasto  e compattate bene il fondo cosicché non vi siano buchi
  5. Scaldate leggermente la confettura al microonde
  6. Versatela sulla base della sbriciolata e spalmatela delicatamente affinché ricopra tutta la base; non fate troppa pressione altrimenti si sposterà o alzerà anche la frolla
  7. Ricoprite la confettura con il composto rimasto, sbriciolandolo sopra, senza compattare
  8. Infornate (180°) e cuocete gli stampini per circa 15-20 minuti, dovranno dorarsi bene in superficie, controllate la cottura anche con uno stecchino, se fuoriesce asciutto le sbriciolate saranno pronte
  9. Una volta cotte, togliete gli stampini dal forno e lasciate raffreddare i dolcetti nello stampo
  10. Potrete anche gustarle tiepide e spolverizzarle con lo zucchero a velo

Queste sbriciolate mignon sono ottime come merenda accompagnate con un bel te’.

E voi come le farcireste queste sbriciolatine mignon?

 

Crostata Cookies

Oggi vi parlo di una torta che potremmo chiamare in tanti modi e che piace moltissimo, soprattuto nel mondo del web.

Nota come “Torta Cookies” per come viene preparata mi sembra piu’ consono chiamarla crostata, o sbriciolata perchè si prepara con modalità simili  a questi due dolci.

La golosità della Cookies é che ricorda un enorme biscotto, il Cookie appunto (la ricetta per realizzare i Cookies la trovi qui), piena di gocce di cioccolato, la Crostata Cookies che vi presento oggi ha inoltre uno strato golosissimo di Nutella. Insomma, alzi la mano chi non ne mangerebbe una fettina ( o forse anche piu’ d’una) proprio adesso.

Ecco le dosi e la preparazione che ho effettuato con il Bimby.

Ingredienti:

  • 150 g burro
  • 150 g zucchero
  • 2 uova
  • 1 bustina di vanillina
  • 400 g farina 00
  • 1 cucchiaino di lievito per dolci
  • 150 g di gocce di cioccolato
  • 400 g di Nutella

Preparazione:

  1.  Pre-riscaldate il forno a 180° in modalità statico
  2. Imburrate ed infarinate uno stampo che utilizzate usualmente per le crostate del diametro di 24 cm; ideale é utilizzare uno stampo col fondo “amovibile” cosi da poter sfornare il dolce senza romperlo
  3. Nel boccale mettete le uova, burro, zucchero e vanillina, lavorate a velocità 5, per 5 secondi
  4. Aggiungete la farina ed il lievito e lavorate a velocità 6 per 5 secondi
  5. Aggiungete le gocce di cioccolato, velocità 6 “antiorario, 5 secondi
  6. Sbriciolate ora l’impasto cosi ottenuto, utilizzandone una metà, e formate la base della crostata direttamente nello stampo
  7. Scaldate la Nutella nel microonde per circa 1 minuto
  8. Versate la Nutella sulla base della crostata e livellatela bene con un cucchiaio
  9. Coprite la Nutella con le briciole della metà di impasto che vi é rimasto, cercando di ricoprire tutta la superficie
  10. Infornate nel forno ormai caldo (180°) per circa 30  minuti
  11. Togliere lo stampo dal forno e lasciar raffreddare prima di sformare la crostata dallo stampo

Se non avete il Bimby, vi consiglio di preparare l’impasto nello stesso modo in cui realizzate la vostra pasta frolla per le crostate, mettendo gli ingredienti a fontana, lavorandolo e cercando di sbriciolarli, ottenendo briciole di impasto piuttosto grosse.

Il bello di questa buona e bella Crostata Cookies é la facilità e velocità di realizzazione, un’ottima idea per colazione o merenda.

Provatela, se vi va e se vi dovesse anche piacere, come é piaciuta a me, lasciate un commento, un like e non dimenticate di condividerla con i vostri amici! 👍🏻📲

Questa é una di quelle ricette che vale la pena condividere con gli amici golosi come me 😉

Torta soffice di ricotta, yogurt e limone – solo albumi

Oggi vorrei presentarvi una torta che vi piacerà sicuramente.

Si tratta di una torta ottima per colazione o merende ed è soffice e morbida, si prepara con la ricotta e lo yogurt ed è profumata al limone, una vera delizia scioglievole che vi conquisterà.

E’ composta di soli albumi, quindi questa ricetta vi consentirà di smaltire eventuali bianchi d’uovo avanzati da altre preparazioni, come ad esempio la crema pasticcera. 

La ricetta originale di questa torta così soffice la trovate qui, l’ho modificata utilizzando anche lo yogurt all’ananas.

Ecco come si prepara:

Ingredienti:

  • 120 g di albumi (circa 4) a temperatura ambiente
  • 1 pizzico di sale
  • 225 g ricotta vaccina
  • 125 g di yogurt (un vasetto di yogurt all’ananas oppure bianco)
  • 260 g farina 00
  • 180 g di zucchero
  • 100 g olio di semi
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • buccia grattugiata di limone
  • zucchero a velo q. b.

Preparazione:

  1. Accendete il forno così da preriscaldarlo a 180 gradi, modalità statico
  2. Scegliete uno stampo per la torta sui 22-24 cm, imburratelo ed infarinatelo
  3. In una ciotola capiente, oppure nella planetaria, inseriamo gli albumi e un pizzico di sale e li montiamo a neve. Gli albumi saranno montati a neve quando capovolgendo la ciotola, resteranno compatti al fondo e non si staccheranno
  4. A parte, in un’altra ciotola, setacciate la farina 00 con il lievito, aggiungete lo zucchero, l’olio, la ricotta, lo yogurt e infine la buccia grattugiata di un limone
  5. Amalgamate ora gli ingredienti utilizzando una spatola finché non diventeranno omogenei
  6. Aggiungete ora gradualmente i bianchi d’uovo montati a neve, poco alla volta, mescolandoli al composto con movimenti lenti e dal basso verso l’alto per non smontare il composto
  7. Travasate il composto nello stampo imburrato e infarinato
  8. Cuocete nel forno – che avete già preriscaldato – per circa 35 minuti. Per controllare la cottura fate la prova stecchino, se fiorisce asciutto dalla torta, e’ cotta.
  9. Sfornate la torta, lasciatela raffreddare nello stampo e quando sarà fredda potrete toglierla dalla tortiera.
  10. Spolverizzatela con zucchero a velo se vi va

Ora, devo confessarvi che mentre realizzavo le foto per questo post, questa torta mi ha tentato più e più volte.. ed ho rischiato in effetti di non riuscire a fotografarla tutta intera, soprattutto dopo aver tagliato le prime due fette per scattare le foto di rito.. e’ stato poi difficile tenere a freno le manine di Liam che non vedevano l’ora di agguantarla!

Provatela , se vi va, aspetto i vostri commenti e se la ricetta vi e’ piaciuta, condividetela 👍🏻📲

Biscottini bicolore

Sono reduce da un week-end di festeggiamenti in famiglia, i miei genitori sono nati ad un giorno di distanza .. ai quali però bisogna aggiungere cinque anni.

Sono due “bilancia”, innamorati da una vita, battibecchi come “sale della vita” che li tiene sempre e comunque molto uniti, di quelle storie d’amore alle quali guardi sempre con un pizzico di invidia e stupore, e ti chiedi come possa una coppia quasi dopo cinquant’anni guardarsi ancora così ..

Quest’anno i festeggiamenti, manco a farlo apposta, sono caduti nel week-end, quindi mio padre sabato e mia mamma domenica, due giorni di spensieratezza, momenti di convivio familiare, pizzette, salatini e.. dolci.

Mio padre e’ innamorato della pasticceria siciliana presente in città, per cui sulla tavola ha campeggiato una bella torta di pasticceria classica, si, proprio così, ho dovuto tenere a freno la mia voglia irresistibile di preparare torte e crostate, avevo già pronta la lista lunga dieci pagine da cui prendere spunto per poterli festeggiare a modo mio.

Detto ciò, però, non sono riuscita a star ferma e qualcosa dovevo pur preparare per questi dolcissimi compleanni, no? 

Ed e’ così che ho pensato ai biscottini bicolore.

Frolla alla vaniglia e frolla al cacao e ..tanta voglia di tenerezza xxx

Per questa occasione i cuori, i cuoricini e tutto ciò che ci riporta dell’Amore credo non siano mai abbastanza.

E allora pronti per realizzarli; vi racconto come ho fatto.

Se avete la ricetta del cuore per realizzare la pasta frolla per biscotti, utilizzatela. Vi serviranno un panetto di frolla “Bianca”, aromatizzata come più vi piace e un panetto di frolla al cacao.

Io da quando ho scoperto la ricetta del Maestro Buosi utilizzo sempre questa, aiuta a realizzare biscotti dalla forma piatta, che non cambiano forma in cottura, e che si prestano ad essere decorati anche con ghiaccia reale o pasta di zucchero.

La ricetta la trovate qui.

Per i biscotti di frolla al cacao, stessa cosa, ho utilizzato la ricetta del Maestro Buosi, frolla bilanciata che consente ai biscotti di mantenere la forma.

Scoprite questa ricetta e non la cambierete più perché riuscirete a realizzare dei biscotti fantastici e perfetti.

Per ottenere i biscotti bicolore, io ho prima scelto gli stampini della grandezza giusta, che potessero rendere proporzionato il rapporto tra la sagoma del biscotto e i cuoricini intarsiati all’interno.

Ecco i passaggi che ho seguito, una volta pronte le frolle di due colori sul tavolo.

  1. Ho steso la pasta frolla dello spessore di circa 3 mm e con il tagliabiscotti ho ricavato la sagoma esterna del biscotto; al centro ho poi ricavato un cuoricino, che ho tolto delicatamente e tenuto da parte.
  2. Ho fatto la stessa cosa con la frolla al cacao. 
  3. Aiutandomi con una palettina, ho spostato le sagome grandi dei biscotti sulla teglia da forno,  ricoperta con il tappetino “forosil” (in alternativa potrete utilizzare la carta forno)
  4. Ho inserito i cuoricini di frolla al cacao nelle “basi” di biscotto bianco e viceversa, premendo delicatamente e stando attenta a non modificare la forma dei biscotti.
  5. Durante la lavorazione, qualora la frolla si ammorbidisse e diventasse “appiccicosa” consiglio di rimetterla in frigorifero a raffreddarsi così da poter lavorare più agilmente.
  6. In alternativa, potrete prima incidere la frolla bianca con tanti cuoricini, togliere la pasta a cuoricino ricavata e metterla da parte, Poi incidere la frolla al cacao allo stesso modo con tanti cuoricini, prelevare i cuoricini e metterli da parte; in ultimo, con il tagliabiscotto grande, ritagliare la sagoma grande del biscotto, spostarlo nella teglia e completare il biscotto inserendo nella frolla bianca i cuoricini al cacao e viceversa.

Ovviamente per queste due feste di compleanno, io mi sono sbizzarrita con le sagome, così da realizzare i biscotti bicolore anche con le iniziali di mia madre e di mio padre.

Un’idea molto carina per colorare la tavola dei festeggiamenti.

Torta della Nonna

“Un nonno é qualcuno con l’argento nei capelli e l’oro nel cuore.”

Vi presento un dolce che tutti conosciamo, oggi parliamo della Torta della Nonna, un dolce di origini toscane.

Pasta frolla, crema pasticcera, pinoli e zucchero a velo. Una ricetta semplice che ci riporta alla nostra infanzia.

Ognuno ha la propria esperienza da ricordare. I miei ricordi vividi dei nonni riecheggiano ancora nella mia memoria.

Di una nonna materna, forte e vigorosa, dinamica e instancabile ricordo la generosità fatta di piccole, ma al contempo, grandi attenzioni quotidiane.

I suoi racconti. La sua abilità ai fornelli, la sua capacità di preparare dolci squisiti semplici ma di grande effetto, la sua preoccupazione nei nostri riguardi era che mangiassimo a tavola. La sua dolcezza nei confronti di ben dieci nipoti.

Del nonno materno, la presenza autorevole in casa, i lunghi dialoghi con mio padre sul “com’era prima”, la sua passione per la musica e i suoi spartiti musicali, la sua tromba che da giovane suonava nella banda del paese e che faceva rivivere per noi nipoti qualche volta, tra le sue grandi mani possenti.

Dei miei nonni, come coppia, ricordo invece il loro grande giardino di limoni, limoni ovunque, giallo oro, la casa colonica che mi sembrava grande come un castello, gli scalini per potervi arrivare.

Della nonna paterna ricordo il suo modo simpatico e ironico di rivolgersi a noi piccolini, quando mi sedevo di fronte a lei io vedevo, su quel volto così pallido, tra tante righe e segni di espressione, gli occhi di mio padre. Il suo passo claudicante, le orecchiette fatte a mano sul tavolo della cucina, per le quali mi chiedeva aiuto, la sua macchina da cucire Singer, lo chignon basso che raccoglieva lunghi capelli del colore delle spighe di grano in una giornata dal cielo grigio.

Del mio nonno paterno, solo i suoi ultimi anni; di un uomo che era stato arruolato in Marina io ricordo solo il suo grande tremolio, la sua poltrona dalla quale ci guardava accennando un sorriso, i suoi piccoli passi mentre si spostava in casa.

Dei miei nonni come coppia, ricordo lei a tavola, amorevolmente e pazientemente lo aiutava a mangiare, quasi imboccandolo come si fa con i bambini, perché, ormai non era più autonomo. Della Marina e di quella splendida uniforme bianca, rimaneva una foto dai colori seppiati, in una cornice posata sul mobile. 

A mio figlio auguro di vivere oggi più di mille momenti che possano colmare i suoi occhi e riempire il suo cuore oggi e domani, vivendo sempre con grande orgoglio le proprie radici.

Ecco come ho preparato questa  Torta della Nonna, che ho profumato agli agrumi, sia per la pasta frolla che per la crema; e cosi, lo scorso 2 ottobre, in occasione della Festa dei Nonni, dopo la scuola, siamo saliti in macchina io e Liam e siamo corsi a trovare i suoi nonni materni, con i quali abbiamo trascorso un bel pomeriggio, e gustato una rigenerante tazza di thé.

Ingredienti:

Pasta Frolla:

  • 1 uovo
  • 1 tuorlo
  • 300 g di farina 00
  • 80 g di zucchero
  • 130 g di burro
  • 1 cucchiaino di lievito (facoltativo)
  • buccia di limone e buccia di arancia

Crema Pasticcera:

  • 500 g di latte intero fresco
  • buccia grattuggiata di limone e di arancia
  • 4 tuorli d’uovo
  • 150 g di zucchero
  • 40 g di farina 00
  • 20 g di amido di mais oppure di fecola di patate

Decorazione:

  • Latte q.b.
  • 40 g circa di pinoli

Preparazione:

  1. Per la pasta frolla, seguite la ricetta che trovate qui. E Lasciate riposare la pasta frolla in frigorifero per almeno trenta minuti.
  2. Preparate la crema pasticcera, secondo le indicazioni che trovate quie lasciatela raffreddare in frigorifero
  3. Imburrate ed infarinate uno stampo di 24 cm
  4. Pre-riscaldate il forno a 180 gradi
  5. Su di un piano di lavoro infarinato, prendete il panetto di frolla e dividetelo a metà; stendete la prima metà relaizzando un primo “disco” di frolla, della grandezza della vostra tortiera, ritagliano eventuali eccessi di pasta, definendo bene cosi anche il bordo che dovrà avere la torta;
  6. Bucherellate il fondo di frolla con una forchetta
  7. Ritirate la crema dal frigorifero e versatela sopra il disco di pasta frolla livellandolo con una spatola, oppure in alternativa potrete versare la crema in un sac-a-poche e con movimenti circolari farcire il disco di frolla
  8. Dalla metà rimanente del panetto di frolla, realizzate un secondo disco, leggermente piu’ grande cosi che si possa richiudere perfettamente la torta;
  9. Sovrapponete il secondo disco di frolla sulla crema pasticcera e pizzicate la pasta lungo il bordo cosi da sigillare la torta; utilizzate anche i rebbi della forchetta lungo tutto il bordo
  10. Bucherellate la superficie della torta con la forchetta
  11. Con un pennellino da cucina, spennellate di latte la superificie della torta e spargetevi sopra i pinoli
  12. Infornate ora che il forno é a temperatura, a 180 gradi e lasciate cuocere per circa 40-45 minuti
  13. Controllate la cottura della torta inserendo uno stecchino che dovrà fuoriuscire asciutto, senza residui di pasta frolla
  14. Una volta cotta, sfornate la torta e lasciatela raffreddare nel suo stampo, poi spolverizzate di zucchero a velo e servite

Una torta così mette tutti d’accordo, la frolla e la crema profumate agli agrumi regalano a questa torta una delicatezza notevole.

 

Crostata fredda Pan di Stelle e Nutella

Durante l’estate si contano sulle dita di una mano le volte in cui ho acceso il forno, soprattutto per i dolci.

Ricette veloci e fredde e senza cottura sono quasi sempre le mie preferite in questo periodo e le preferite del mio palato.

E così questa volta ho provato la “crostata fredda”.

Non potevo non provarla, anche perché si tratta di una base utilizzata per lo più per le tanto amate cheesecake, quindi semplice da preparare e d’effetto.

Vi basteranno dei biscotti al cacao, come i Pan di Stelle, burro e miele e il gioco è fatto.

Per realizzare una crostata piccola, (diametro 18 cm), ho utilizzato queste dosi.

Ingredienti:

  • 175 g di biscotti al cacao (o Pan di Stelle)
  • 75 g di burro
  • 25 g di miele

Per la farcitura: Nutella q.b.

Preparazione:

  1. Prendete lo stampo da crostata: dovrà essere uno con il fondo amovibile, oppure con apertura ad anello; con la carta forno, ritagliate un disco grande come la base della tortiera e foderate lo stampo
  2. In un pentolino sciogliere il burro a fiamma dolce, facendo attenzione a non farlo “bruciare”
  3. Nel mixer, tritare i biscotti, fino a ridurli in polvere
  4. In una ciotola, amalgamare il burro liquido con i biscotti e il miele, fino ad ottenere un composto omogeneo
  5. Stendete il composto di biscotti sbriciolati nello stampo e pressate bene e forte, anche sui bordi, così da formare il “guscio” della crostata fredda
  6. Riponete lo stampo in frigorifero per almeno mezz’ora, cosicché la crostata si possa solidificare e non si sbricioli
  7. Per sformarla dallo stampo: se avete optato per il fondo amovibile, sollevate delicatamente il fondo verso l’alto, poi con la lama di un coltello, passate sotto il fondo è spostate la crostata fredda su di un piatto. Se avete optato per lo stampo con chiusura ermetica, passate un coltello lungo i bordi, poi aprite delicatamente affinché i bordi si stacchino senza rompersi, infine con il coltello sollevate leggermente la base e spostatela sul piatto da portata
  8. Per la farcitura, scaldate al microonde la Nutella cosicché possa essere facilmente spalmata sulla crostata e decorate con i biscotti

Potrete conservare la crostata fredda anche in frigorifero, la Nutella si compatterà e sarà ancor più piacevole gustarla ben fredda.

Biscottini “ferro di cavallo” – ricetta di I. Massari

Oggi vi parlo dei biscottini noti come “ferro di cavallo” e li prepareremo seguendo la ricetta del Maestro Iginio Massari, the Sweetman.

Il Maestro Massari, si sa, e’ severissimo e nelle occasioni televisive in cui lo troviamo protagonista dei momenti “dolci” dedicati alla pasticceria, non mancano i commenti duri ai partecipanti che cercano di cimentarsi con le ricette di pasticceria.

Anche nell’ambiente dei Maestri Pasticceri, il Presidente onorario di AMPI e’ arcinoto per la sua severità ed il suo rigore nelle preparazioni.

Dal programma “the Sweetman”, nasce anche un libro con le ricette di base, dalla frolla al Pan di Spagna, alle masse al burro, i consigli e le ricette del Maestro

Che ne dite, proviamo a cimentarci con la ricetta del Maestro ?

Ingredienti:

  • 200 g di burro
  • 200 g di zucchero a velo
  • 1 g di sale
  • 1 baccello di vaniglia
  • 300 g di farina 00
  • 120 g di uova
  • 120 g di Nocciole tostate in polvere
  • cioccolato fondente

Preparazione:

  1. Pre-riscaldate il forno a 170 gradi
  2. Nella planetaria, montate il burro con lo zucchero a velo , il sale e la vaniglia
  3. Aggiungete progressivamente un terzo della farina setacciata; versatela alternandola alle uova
  4. Mescolate ai due terzi rimasti di farina, le nocciole in polvere
  5. Aggiungete quindi i due terzi restanti mischiati alle Nocciole   Utilizzando un cucchiaio in spatola
  6. Preparate una teglia rivestendola con carta forno
  7. Procuratevi una tasca da pasticcere dotata di bocchetta n. 10 (personalmente ho utilizzato la stessa sac a poche tagliandone l’estremita) e modellate direttamente nella teglia rivestita di carta forno i biscotti. Se preferite e  avete in casa uno stampo per biscotti a mezzaluna, provvedete ad imburrarlo ed infarinarlo, poi create i biscottini seguendo la classica forma a “ferro di cavallo”
  8. Cuocete i biscotti per circa 13-15 minuti a 170 gradi (con valvola aperta)
  9. Quando sono cotti (controllate con uno stuzzicadenti) sfornate i biscotti e lasciateli raffreddare
  10. Sciogliete il cioccolato fondente a bagnomaria alla temperatura di 31 gradi
  11. intingete le due estremità dei biscottini nel cioccolato fuso e posizionateli su un foglio di carta da cottura fino al raffreddamento del cioccolato